Prove su strada e impressioni di guida

In primo piano

BYD Seal U DM-i Design, la SUV ibrida plug-in diversa

La BYD Seal U DM-i (la U sta per “Utility” e DM per dual motor”) è la prima auto ibrida del costruttore cinese Build Your Dreams, da quasi 30 anni specializzato nella realizzazione di batterie. Si tratta di una SUV lunga 4,77 metri spinta da un sistema ibrido plug-in, proposta sia 2WD sia 4x4 con un prezzo di listino che parte da meno di 40 mila euro. Incentivi statali esclusi.

Fiat 600 ibrida, il ritorno dell’utilitaria torinese

Dopo il debutto della Fiat 600e - la versione 100% elettrica - arriva la 600 Hybrid da 100 Cv e cambio automatico di serie. Costa circa 10 mila euro in meno dell’elettrica: si parte da 24.950 euro, ma si può scendere a 18.950 con incentivi e rottamazione.

Audi A3 allstreet, la prova della versione crossover  

Dopo una carriera di quasi trent’anni l’Audi A3 diventa una crossover: con il restyling della quarta generazione viene introdotta la A3 allstreet, versione contraddistinta da elementi off-road e dall’assetto rialzato. Resta ovviamente in gamma la A3 Sportback.

BYD Atto 3, la prova su strada della SUV elettrica cinese

La BYD Atto 3 è una delle nuove SUV cinesi elettriche da poco sbarcate in Italia.
Non avendo un passato nell’automotive non ha una grande personalità, ma gli interni, seppure di gusto molto particolare, sono ben fatti e non privi di raffinatezze, talvolta bizzarre.

Volkswagen Passat Variant, la prova della nona generazione

La Volkswagen Passat è stata dopo la Golf uno dei modelli più iconici del costruttore tedesco di automobili. Da alcuni lustri vanno di moda le Sport Utility, ma la Passat si rivela un’alternativa understated incredibilmente valida per chi viaggia molto e ha bisogno di spazio.

Volkswagen Tiguan, la prova della 2.0 TDI 150 Cv R-Line

La Volkswagen Tiguan è sempre stata quello che, negli anni d’oro delle station wagon, era la Volkswagen Passat Variant: un punto di riferimento. Dal suo lancio nel 2007 ne sono state vendute più di sette milioni e mezzo, e oggi vende più della Golf.

Dacia Duster 2024, la prova su strada della due versioni ibride

La Dacia Duster di terza generazione cambia tantissimo restando sempre se stessa: un’auto pratica, spaziosa, robusta, dalla fortissima personalità. Migliora la sicurezza, e per la prima volta è disponibile anche ibrida sia con tecnologia mild-hybrid sia full-hybrid; e resta in gamma la Duster GPL. I prezzi? Si parte da meno di 20 mila euro per la GPL, la bestseller in Italia.

Subaru Crosstrek, la crossover ibrida 4x4 automatica

La Subaru Crosstreck è un’alternativa alle solite SUV per chi desidera un’auto in grado di affrontare fondi difficili. Non è una fuoristrada, sia chiaro, ma ha capacità superiori rispetto alle concorrenti ed è molto comoda. Le prestazioni sono tranquille, e i consumi non certo contenuti.

Renault Austral E-Tech Hybrid, la SUV ibrida con 4 ruote sterzanti

Con l’arrivo della Austral - e della nuova Mégane elettrica, lanciata poco prima  - Renault ha realizzato un cambio di passo in termini di qualità delle sue vetture. L’Austral è una SUV compatta disponibile sia mild-hybrid sia full-hybrid. Manca un diesel per i macinatori seriali di chilometri, ma il sistema ibrido consuma poco in tutte le situazioni.

Kia Sorento 2.2 CRDi 4WD, la prova della versione diesel

Ci sono gli status symbol e poi ci sono gli oggetti straordinari che passano inosservati ma sono dannatamente validi: è il caso della grande SUV a 7 posti Kia Sorento. Quest’anno si è rinnovata profondamente con un facelift, e per la gioia del mercato italiano è disponibile anche con motore a gasolio. D’altra parte il 57% dei clienti di una SUV di segmento D come la Sorento scelgono il diesel.

Volkswagen T-Cross 2024, la prova della 1.0 TSI 115 DSG

La Volkswagen T-Cross si rinnova attraverso ritocchi estetici, tecnologici, ed equipaggiamenti più ricchi. In gamma un solo motore 1.0 3 cilindri turbobenzina proposto in due varianti di potenza di 95 Cv e 115 Cv, quest’ultimo anche con cambio automatico doppia frizione DSG.

Renault Espace Esprit Alpine, la grossa SUV veste sportivo

La Renault Espace è sempre stata una monovolume pratica, spaziosa e incredibilmente cool, almeno fino a che le Sport Utility non sono diventate una tendenza in tutto il mondo. Ecco, dunque, che Renault lancia la prima Espace in formato SUV.

Suzuki Swift 2024: il test della nuova generazione

La Suzuki Swift è un’utilitaria giapponese di successo nata per la prima volta oltre 40 anni fa con il nome di Suzuki Cultus. L’ultima generazione, pur essendo completamente riprogettata, non rivoluziona il suo stile, piuttosto lo affina con linee più semplici e pulite. È disponibile con un solo motore ibrido 12 Volt, sia a trazione anteriore con cambio manuale o automatico CVT, sia 4x4 solo manuale.

Mazda2 Hybrid, il restyling 2024 dell’ibrida dai consumi da record

La Mazda2 Hybrid nasce dalla collaborazione con Toyota. Telaio e meccanica sono gli stessi della Yaris Hybrid, ma con il restyling la Casa di Hiroshima è intervenuta modificandone lo stile, soprattutto nel frontale.

Jeep Avenger E-Hybrid, l’ibrida automatica che mancava

La Jeep Avenger è un modello di grande successo. È una Jeep in formato mignon, la più adatta ad affrontare la giungla urbana, e la sua versione ibrida era il tassello mancante della gamma: consuma meno rispetto a quella 100% termica, e soprattutto monta un cambio automatico doppia frizione a 6 marce.

Mazda CX-30 2.0 Skyactiv-G Hybrid, la prova su strada

Le mode, si sa, alla fine hanno la meglio, e comprare una berlina compatta, oggi, è un’eccezione. Eppure, rispetto alle Sport Utility, ha dei grandi vantaggi: migliore aerodinamica, meno peso, doti stradali superiori, e prezzo inferiore. La Mazda CX-30 si pone esattamente nel mezzo tra una Mazda 3 e una CX-5, ovvero tra una hatchback e una SUV.

Renault Scénic E-Tech elettrica, da monovolume a SUV

La nuova Renault Scénic ripercorre la strada della sorella maggiore Espace: da iconica monovolume si è trasformata in una Sport Utility.
Il suo grande successo ebbe inizio negli anni Novanta quando inventò il segmento delle piccole monovolume, e diede il via a una moda ora in declino.