La Lamborghini Automobili è un’azienda di auto sportive fondata a Sant’Agata Bolognese da Ferruccio Lamborghini il quale, dopo una lite con Enzo Ferrari, voleva dimostrare che sarebbe stato in grado di produrre un’auto perfetta. La frase decisiva che Enzo Ferrari rivolse a Ferruccio Lamborghini fu: “Non è la frizione della tua Ferrari a slittare, sei tu che sai guidare solo trattori”.

Da quel momento Ferruccio Lamborghini, che produceva trattori, si mise in testa di fare un’auto migliore di una Ferrari. Il simbolo del marchio? Un toro, proprio come il segno zodiacale di Ferruccio Lamborghini.

Oggi Lamborghini fa parte della tedesca Audi, ma la produzione resta è Sant’Agata Bolognese, in Emilia. I modelli in listino sono due: la Lamborghini Huracan, spinta da un 5.2 V10, e la Lamborghini Aventador, il modello di punta che monta un 6.2 V12. Entrambe sono disponibili anche nella variante con carrozzeria spider.
 

Storia ed evoluzione di Lamborghini

La Automobili Lamborghini venne fondata nel 1963, stesso anno nel quale venne presentata la concept car 350 GTV in occasione del Salone dell’Auto di Torino. Per il motore, un V12 montato in posizione anteriore, Lamborghini si rivolse a un ex meccanico della Ferrari.
Tra i modelli più celebri degli anni Sessanta e Settanta annoveriamo senza dubbio la Miura e la Countach, entrambe disegnate da Marcello Gandini della Bertone.

Celebre, nella storia del marchio, la Lamborghini LM002, una fuoristrada lunga quasi 5 metri e larga 2 che montava il potente motore della  Countach. Un 5.2 V12 da 450 CV, che permetteva alla grande fuoristrada (allora il termine SUV non era ancora stato “inventato”, ma ben si sarebbe abbinato alla Lamborghini LM002) di raggiungere i 210 km/h di velocità massima e di accelerare da 0 a 100 km/h in 7,8 secondi nonostante un Cx aerodinamico pessimo e una massa a vuoto di circa 2,6 tonnellate.