Volkswagen ID.3, a Zwickau inizia la produzione di serie

14-Nov-2019  
  • Volkswagen ID.3, a Zwickau inizia la produzione di serie

Giornata storica a Zwickau: Volkswagen ha dato il via alla produzione di serie della ID.3, la prima vettura della nuova gamma ID. completamente elettrica. Alla cerimonia ha partecipato anche la Cancelliera federale Angela Merkel. Il sito tedesco diventerà la fabbrica di auto elettriche più grande ed efficiente d’Europa.

IL PRIMO ESEMPLARE SOTTO GLI OCCHI DELLA CANCELLIERA

Presentata in anteprima mondiale allo scorso Salone di Francoforte, la nuova Volkswagen ID.3 rappresenta un importante contributo alla svolta della mobilità elettrica, come ha sostenuto Herbert Diess CEO del Gruppo tedesco. Il primo esemplare è uscito dalla linea di produzione proprio nella giornata del 4 novembre 2019. Si tratta di una data storica per il marchio di Wolfsburg, che entro il 2028 punta a vendere circa 22 milioni di veicoli elettrici nel mondo come Gruppo Volkswagen.

IL PIÙ GRANDE SITO PER AUTO ELETTRICHE EUROPEO

Lo stabilimento di Zwickau è il primo grande centro a essere stato convertito alla mobilità elettrica. L’investimento è stato di circa 1,2 miliardi di euro e ora si prevede di produrre circa 100.000 auto elettriche a partire dal prossimo anno. Dal 2021 nasceranno a Zwickau fino a 330.000 veicoli elettrici annui. Il passaggio alla produzione di vetture a batterie rafforzerà la base manifatturiera automotive tedesca, creando una filiera forte per i veicoli elettrici.

A MENO DI 30.000 EURO

Così Herbert Diess: “La ID.3 darà un contributo importante alla svolta della mobilità elettrica. Rende la mobilità individuale sostenibile alla portata di milioni di persone e per la nostra azienda rappresenta una pietra miliare nel percorso per diventare a impatto neutro di carbonio entro il 2050”. Il segreto della ID.3 sta nella sua piattaforma. La base modulare elettrica MEB di Volkswagen nasce per questo genere di mobilità e rende la vettura dinamica, spaziosa e dalla grande autonomia. Nel mercato interno costerà meno di 30.000 euro. La ID.3 arriverà anche in Italia nell’estate del 2020.

COMPENSAZIONI NELL’ISOLA INDONESIANA DEL BORNEO

Il progetto ID.3 è sostenibile a 360°. La vettura viene infatti consegnata ai clienti con un’impronta neutra nelle emissioni di carbonio. Per esempio, viene utilizzata solo energia verde nella realizzazione delle celle batteria. Le emissioni provocate dall’intero processo di produzione vengono compensate: come? Tramite investimenti nel progetto di tutela del clima Katingan Mataya Forest Protection, nell’isola indonesiana del Borneo.

6 MODELLI MEB DAL 2021 PRODOTTI A ZWICKAU

Queste le parole di Thomas Ulbrich, Membro del Consiglio d’Amministrazione Volkswagen responsabile della Mobilità Elettrica: “La ID.3 è un’auto ad alta tecnologia prodotta da una fabbrica ad alta tecnologia. Con 1.700 robot, sistemi di trasporto senza guidatore e processi di produzione completamente automatici, Zwickau offre una prospettiva sulla produzione avanzata di massa di veicoli elettrici”. A Zwickau si arriverà a produrre 6 modelli MEB di 3 marche del Gruppo. Gli 8.000 dipendenti verranno preparati alla produzione di mezzi a batteria e al lavoro con tecnologie ad alto voltaggio.

PIÙ FORZA ALLA BASE MANIFATTURIERA AUTOMOTIVE TEDESCA

Con questa operazione il marchio Volkswagen non solo si preoccupa della sostenibilità ambientale, ma garantisce anche un futuro ai circa 100.000 dipendenti dei suoi stabilimenti. Le fabbriche automobilistiche di Emden e Hannover inizieranno infatti a produrre veicoli elettrici dal 2022. Inoltre, il Gruppo Volkswagen sta collaborando con Northvolt per realizzare una fabbrica di celle batteria a Salzgitter. “La Germania deve guidare il cambiamento e rafforzare le competenze nella catena del valore della mobilità elettrica. Nei prossimi anni si stabilirà una forte filiera per l’elettrico”, ha chiosato Diess.

Autore: Francesco Bagini

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, eBrave S.r.l. utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy