Audi, presentata la R8 2019

25-Ott-2018  
  • Audi presenta R8 2019 01
  • Audi presenta R8 2019 02
  • Audi presenta R8 2019 03
  • Audi presenta R8 2019 04
  • Audi presenta R8 2019 05
  • Audi presenta R8 2019 06

Dopo la presentazione della R8 LMS GT3 allo scorso Salone di Parigi, Audi svela la versione stradale della vettura 'nata in pista, costruita per la strada': l’Audi R8 2019. La nuova sportiva arriverà nelle concessionarie nel corso del primo trimestre del prossimo anno.

COUPÉ E SPYDER

La stradale derivata dalla racing car della Casa di Ingolstadt monta un V10 aspirato da 570 o 620 cv. Sia in versione Coupé sia Spyder svela un design più aggressivo, che corrisponde a performance superiori rispetto al precedente modello. Michael-Julius Renz, amministratore delegato di Audi Sport GmbH, e Oliver Hoffmann, responsabile dello sviluppo tecnico di Audi Sport GmbH, hanno commentato: “R8 è per Audi una vettura unica, sotto ogni aspetto. Ora è ancor più potente e veloce. Il motorsport è nel nostro DNA. Con il 50% dei componenti condivisi con R8 LMS GT3 e il 60% con R8 LMS GT4, nessun’altra vettura di serie è così simile a un’auto da corsa quanto R8”.

DUE GRADI DI POTENZA

Quanto la R8 2019 sia vicina a un’auto da corsa lo dimostra il motore. Stiamo parlando del V10 a collocazione centrale disponibile in 2 gradi di potenza. La configurazione standard passa da 540 a 570 cv mentre la coppia è stata aumentata di 10 Nm, da 540 a 550 Nm a 6.500 giri/min. In questo modo la vettura scatta da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi (R8 Coupé) e in 3,5 secondi (R8 Spyder). La massima è rispettivamente di 324 e di 322 orari. Lo step superiore è rappresentato dall’unità V10 5.2 FSI dell'Audi R8 V10 performance quattro. La potenza è di 620 cv con un picco di coppia di 580 Nm. Lo 0-100 avviene in 3,1 secondi (Coupé) e in 3,2 secondi (Spyder). La velocità massima tocca i 331 sulla prima e 329 km/h sulla seconda.

COMPORTAMENTO DINAMICO

Costruito in Ungheria, a Gyor, il V10 della nuova R8 2019 dà soddisfazioni anche in pista. Oltre al propulsore anche le sospensioni permettono stabilità e precisione di guida in ogni situazione. Variando l’Audi Drive Select sull’estrema Audi R8 V10 performance quattro si possono impostare nuove modalità di marcia: dry, wet e snow. La R8 'performance quattro' riduce i tempi di arresto in fase di frenata di 1,5 metri a una velocità di 100 km/h e di 5 metri a 200 orari. Di serie è equipaggiata con i cerchi in lega da 19‘’, a richiesta da 20’’ con design a 5 razze a V.

COME UN COLTELLO

I cerchi ci permettono di passare al design della carrozzeria, più incisiva e affilata. La griglia single frame è più ampia. Sul muso ci sono 2 listelli verticali che dividono le prese d’aria laterali. Appena sotto i quattro anelli del cofano ci sono 3 feritoie piatte, citazione della mitica Audi Ur-quattro. Al posteriore 3 griglie sono presenti su ciascun livello: sotto allo spoiler, alla base dei gruppi ottici e in corrispondenza dell’estrattore. Rivisitata è la cover del sistema d’aspirazione del motore, disponibile in materiale plastico o in carbonio.

COLORI INEDITI

Esistono 3 diversi pacchetti che variano a seconda del tipo di potenza del motore. Sulla R8 2019 si possono aggiungere gli anelli e il badge Audi in nero lucido. Oppure la carrozzeria può essere in grigio metallizzato Kemora o in blu Ascari metallizzato, entrambe tinte inedite. In generale il programma Audi exclusive consente molteplici personalizzazioni.

NUOVE DENOMINAZIONI

Attenzione alle nuove denominazioni. L’Audi R8 Coupé/Spyder V10 aggiunge al nome la dicitura ‘quattro’: diventa così Audi R8 Coupé/Spyder V10 quattro. Invece la versione Audi R8 Coupé/Spyder V10 plus cambia in Audi R8 Coupé/Spyder V10 performance quattro.

Autore: Francesco Bagini
Opel Mokka-e