Rally del Messico, Sébastien Loeb torna con una C3 WRC

09-Mar-2018  

Per la trasferta messicana, 3^ prova del campionato Mondiale Rally 2018, Citroën sfodera l’asso Sébastien Loeb, in coppia con il fido copilota Daniel Elena. Per la prima volta dopo il 2012, il 9 volte iridato francese calcherà le strade sterrate del Rally del Messico.
 

IL RITORNO DEL 9 VOLTE IRIDATO

La presenza di Loeb fa parte di un mini programma concordato con il Citroën Total Abu Dhabi WRT, in base al quale il francese sarà al volante della C3 WRC anche in Corsica e Catalunya. Le difficoltà per il 44enne pluricampione potranno arrivare dalla mancanza di allenamento e dalla poca conoscenza sia delle nuove WRC sia delle 22 prove speciali. Invece la presenza di Loeb potrà rivelarsi preziosa per la sua conoscenza generale di una prova unica nel calendario, per via delle alte temperature e dell’elevato livello altimetrico che limita la potenza dei motori. Il fondo sterrato renderà fondamentale la scelta degli pneumatici: le strade di questo Rally si rovinano già dopo i primi passaggi, svelando uno strato di pietrisco ostico per le gomme. Per cui sarà importante essere competitivi sin dai primi chilometri. L’usura sarà comunque inferiore al solito, a causa del fondo a tratti sabbioso e della potenza ridotta delle auto. Loeb, che ha dominato la terra messicana in 6 edizioni (2006, 2007, 2008, 2010, 2011 e 2012), potrà di certo aiutare il team anche nel sciogliere il dilemma Michelin: pneumatici morbidi o duri?
 

LA RIMONTA DEL CITROËN TOTAL ABU DHABI WRT

Il team Citroën Total Abu Dhabi WRT vanta una tradizione positiva in Centro America considerando anche l’altro equipaggio schierato: Kris Meeke e Paul Nagle, vincitori 12 mesi fa in Messico. L’inglese, ai piedi del podio a Montecarlo e KO in Svezia, si trova però all’8° posto in campionato, alle spalle anche del compagno di squadra Craig Breen. L’irlandese, in coppia con Scott Martin, prima di cedere l’auto a Loeb, ha regalato infatti in Svezia il primo podio a Citroën, piazzandosi al 2° posto. La squadra transalpina si ritrova alle spalle degli altri team ufficiali, Hyundai e Toyota.

Autore: Francesco Bagini
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, eBrave S.r.l. utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy