Hyundai i30 N Line, la mild hybrid dal gusto sportivo

08-Ott-2020  
  • Hyundai i30 N Line 6
  • Hyundai i30 N Line 7
  • Hyundai i30 N Line 2
  • Hyundai i30 N Line
  • Hyundai i30 N Line 3
  • Hyundai i30 N Line 4
  • Hyundai i30 N Line 5
  • Hyundai i30 N Line 8

Con il - pesante - facelift della Hyundai i30 arriva anche la versione N Line, un allestimento dall’abito sportivo e dalle caratteristiche interessanti. Noi l’abbiamo provata con la motorizzazione 1.5 TGDI 160 Cv turbo benzina mild hybrid con motore da 48 Volt, che non solo è omologata come ibrida (con conseguenti vantaggi), ma consente davvero di consumare meno.

Sportiva pulita

La Hyundai i30 con questo facelift di metà vita ha guadagnato parecchio. D’altronde, i designer Marco Giannotti e Davide Varenna sanno come renderla più bella agli occhi di noi europei.

Nel complesso si presenta più pulita e moderna: gran parte del merito va al design dei gruppi ottici anteriori FULL LED (anche al posteriore) dalla forma a “V” che designano molto lo sguardo, così come la griglia. L’allestimento N Line aiuta a tonificare le linee della coreana, infondendo il giusto gusto sportivo (una linea rossa qui, un cerchio più sportivo) senza renderla troppo sfacciata, un po’ come piace fare ai tedeschi con la Golf GTI.

Però sotto il cofano c’è un motore - relativamente - tranquillo: un 1,5 litri quattro cilindri da 160 Cv e 273 Nm di coppia (già da 1.500 giri) “aiutato” da un motore elettrico da 48 Volt che permette di ridurre consumi ed emissioni.

I dati dichiarano ius consumo medio che va dai 5,5 l/100 km ai 6,5 l/100 km secondo il ciclo WLTP (a seconda che sia la versione berlina, station o fastback).

All’interno la novità più lampante è rappresentata dalla strumentazione digitale da 7 pollici dalla grafica pulita e ben leggibile, che è sempre cosa gradita, mentre quello multimediale da 10,25” è il più grande del segmento. Cambia colore in base alla modalità di guida e ha il contagiri belo grande al centro, come piace a me.

La posizione di guida è davvero perfetta, con un volante ampiamente regolabile, un sedile sportivo molto contenitivo e dettagli dal gusto racing ben dosati. La qualità dell’abitacolo e dei materiali è cresciuta ancora, anche se, stranamente, alcune plastiche sembrano dure quando in realtà sono morbide (come quelle dei pannelli portiera), ma meglio così che il contrario.

Alla guida della i30 N Line TGDI da 160 Cv

La leggerezza della frizione e il cambio preciso e secco rendono piacevoli anche i primi dieci metri alla guida. Il motore 1.5 è incredibilmente vellutato, con una coppia presente fin da subito e un’erogazione lineare e consistente. Scordatevi il torrente di coppia improvviso: il TGDI si comporta - quasi - come un’aspirato, rendendo la guida fluida e piacevole. Bastano due curve però per avere una assaggio di una “vera" i30 N.

Lo sterzo molto diretto e loquace è perfettamente collegato all’auto, mentre dai fianchi arrivano una serie di informazioni sulla quantità di grip.

Ok, non stiamo provando una sportiva dura e pura, ma la i30 N Line vi ricorda che ci si può divertire anche senza 300 Cv sotto il cofano. L’assetto infatti è stato modificato per una guida più precisa e le gomme da 225 su cerchi da 17 pollici sono di serie.

In modalità Sport c’è anche il punta-tacco automatico in scalata (con il cambio manuale) che vi consente di scalare con cattiveria nella guida al limite. Ad andature più miti, invece, l’auto viaggia con un filo di gas e senza fatica. Da questo punto di vista, il motore a benzina batte il diesel a mani basse: erogazione splendida, poche vibrazioni e quasi nessuna rumorosità. Se poi aggiungiamo il fatto che è omologata come ibrida, abbiamo ulteriori vantaggi a far pendere l’ago della bilancia verso la 1.5 TGDI.

PrezzO e dotazione

La Hyundai i30 1.5 TGDI da 160 Cv con allestimento N Line ha un prezzo di listino di 28.600 euro, che diventano 29.600 euro (1.000 in più tondi) se volete la Station Wagon o la Fastback.
La N Line però gode di uno sconto maggiorato di 1.500 euro, posizionandosi sullo stesso prezzo della versione Prime.

La dotazione di serie, molto completa, include gruppi ottici Full LED, schermo da 8 pollici, vetri posteriori oscurati, cerchi da 17 dal design dedicato, sensori anteriori e posteriori, pacchetto sportivo N Line, cruise control, clima bi-zona, strumentazione digitale con schermo da 7 pollici, caricatore wireless per il telefono, bluetooth e comandi al volante.

Per quanto riguarda gli ADAS, sempre di serie troviamo l’assistenza anticollisione, il mantenimento attivo della corsia, gli abbaglianti automatici e il sistema di rilevamento della stanchezza del conducente.

Autore: Francesco Neri
Fiat 500 elettrica