Hyundai i30 N DCT, la compatta sportiva sviluppata al Nurburgring

07-Ott-2022  
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 anteriore
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 portellone
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 cerchi
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 immagine posteriore
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 foto posteriore
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 posteriore
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 tasto volante
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 strumentazione
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 interni
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 launch control regime
  • Hyundai i30 N DCT Performance 2022 N Custom

La Hyundai i30 N Performance non è semplicemente una versione “pompata” della berlina compatta a 5 porte per famiglie: è una versione speciale sviluppata dall’uomo che si è occupato dei modelli M Sport marchiati BMW. E lo ha fatto nientemeno che al Nürburgring.

Come si presenta

Al suo lancio avvenuto 5 anni fa la Hyundai i30 N ha dimostrato quanto un marchio automobilistico senza passato nel mondo delle auto sportive potesse essere abile nel realizzare un esemplare tanto appassionante ed entusiasmante quando ci si mette alla guida.

Da allora sono arrivate anche la Kona N (che sfrutta la meccanica della i30 N) e la più piccola i20 N, tutte dannatamente efficaci e desiderabili. La i30 N, tra l’altro, è stata aggiornata con piccole ma significative migliorie. Innanzitutto è scomparsa la versione d’ingresso da 245 Cv (utile esclusivamente al mercato italiano dove vige il famigerato superbollo), e viene proposta esclusivamente quella Performance da 280 Cv di potenza e 392 Nm di coppia; e poi è stato introdotto un cambio automatico doppia frizione a 8 marce in alternativa al manuale a 6 marce.

Le prestazioni tra la manuale e l’automatica sono identiche: 250 km/h di velocità massima e 5,9 secondi per l’accelerazione 0-100 km/h.

La Hyundai i30 “standard” passa inosservata, ma la i30 N, con tutte le sue appendici aerodinamiche e i cerchi in lega da 19 pollici, è una di quelle auto che fa girare le teste dei passanti. E se non si dovesse scegliere una livrea vistosa come il Performance Blue - la nostra è di un bellissimo Shadow Grey, ad esempio - ci pensano gli scoppi dello scarico ad attirare l’attenzione.

Anche l’abitacolo si distingue per la pedaliera in alluminio, il volante in pelle, le impunture a vista, e i sedili sportivi riscaldati rivestiti in Alcantara e pelle.

Come va

La modalità “N Custom” mi ricorda il magico mondo del simulatore di guida Gran Turismo. È eccitante poter metter mano al set-up della vettura scegliendo il carico dello sterzo, la rigidità degli ammortizzatori - che soffici non lo sono mai -, nonché l’intensità del sound del motore. E si può anche scegliere il regime di giri del launch control.

C'è anche il pulsante “NGS” posizionato sul volante per attivare la funzione di overboost che aumenta le prestazioni per 20 secondi.

La cosa più bella è che in questo caso l’effetto di Gran Turismo c’è, e al contrario del gioco l’esperienza è reale. Così puoi allacciarti la cintura e dare sfogo agli istinti primordiali mettendo in moto vita al 4 cilindri turbo da 280 Cv.

E senti che c’è un sacco di grinta già a partire da 1.500 giri, e sale di giri con fare minaccioso, provocando leggere reazioni allo sterzo che ti fanno sentire vivo e partecipe all’aumentare della velocità.

Il doppia frizione a 8 rapporti migliora l’esperienza di guida: non solo perché è un fulmine nelle cambiate, ma anche perché, rispetto al manuale, ha un distanziamento minore tra una marcia e l’altra; e l’auto sembra ben più veloce, specie quando ti trovi ad accelerare dopo un tornante, magari in salita.

Gli scoppi che arrivano dai suoi doppi scarichi sono una vera gioia per le orecchie, e spesso mi ritrovo a scalare proprio per sentirli, specie nelle strade strette che fanno da cassa di risonanza.

Lo sterzo della Hyundai i30 N è piuttosto carico e molto eloquente nel farti sentire tutta l’aderenza dei Pirelli P Zero, che sembrano avere un grip infinito. Non importa quanto si è bruschi nell’entrare in curva, non c’è alcun accenno al sottosterzo, e il posteriore segue scivolando quel poco che basta per aiutare a completare la manovra.

Ma è ancora più bello ritrovarsi a metà di una curva e spalancare il gas e sentire il differenziale autobloccante che ti butta all’interno della curva.

Magari è solo una sensazione, ma non ricordo concorrenti tanto efficaci in curva. Neppure la validissima rivale Honda Civic Typer R, che è sì più veloce, ma meno agile e con un turbolag che fa un po’ troppo Anni Ottanta.

Il prezzo della Hyundai i30 N DCT Performance

Le compatte sportive sono costose, ma la i30 N è senza dubbio un affare rispetto alle tedesche, e soprattutto offre una dotazione di serie full optional: l’unico accessorio a pagamento è la vernice metallizzata. Il prezzo di listino è di 43.800 euro per l’automatica e 41.600 euro per la manuale.

A chi si rivolge

Agli appassionati dal palato sopraffino, che sanno godere delle eccezionali doti dinamiche della Hyundai i30 N. Che, tra l’altro, si rivela un’auto pratica e discretamente confortevole nell’uso quotidiano e per i viaggi in famiglia, se si è disposti ad accettare un assetto più rigido rispetto alle versioni “standard”. Rispetto alla Kona N, a suo favore, mi è sembrata meno rigida e, di conseguenza, più confortevole.

Punti di forza

  • Doti dinamiche al top nel segmento
  • Prestazioni e cambio entusiasmanti
  • Praticità nell’uso quotidiano

Punti di debolezza

  • L’assetto rigido potrebbe “pesare” nell’uso quotidiano
  • Diametro di sterzata ampio
Autore: Michele Neri
Opel Mokka-e