Dacia Sandero 2021: il test della terza generazione a GPL

04-Dic-2020  
  • Dacia sandero gpl Stepway 2021
  • Dacia sandero gpl Stepway 2021 posteriore
  • Dacia sandero gpl Stepway 2021 anteriore
  • Dacia sandero gpl Stepway 2021 barre sul tetto
  • Dacia sandero Streetway 2021
  • Dacia sandero Streetway 2021 posteriore
  • Dacia sandero Streetway 2021 anteriore
  • Dacia sandero Streetway 2021 immagine
  • Dacia sandero 2021 bagagliaio
  • Dacia sandero Streetway e Stepway 2021
  • Dacia sandero Stepway 2021 interni
  • Dacia sandero Stepway 2021 abitacolo
  • Dacia sandero Stepway 2021 interni sedili
Citroën C4 X

La Dacia Sandero è nuova da cima a fondo: l’aggiornamento estetico è solo una delle novità della terza generazione. Resta una delle auto più economiche sul mercato e in assoluto la meno costosa della sua categoria, ma beneficia di una bella dose di tecnologia e del pianale CMF mutuato dalle nuove Renault Clio e Captur.

LA DACIA SANDERO 2021 IN BREVE

Dimensioni e interni

La Dacia Sandero è sempre stata un’auto che bada alla sostanza: spaziosa, ma non certo seducente. La nuova generazione ha un aspetto più muscoloso e personale, pur mantenendo un profilo basso che ben si addice allo stile del marchio. Le superfici sono più tese, i passaruota più larghi, e l’altezza passa da 1,52 a 1,50 metri, dunque è più slanciata. Arrivano anche le luci diurne a LED con forma a “Y” e i fari full LED.

Le dimensioni crescono di 2 cm in lunghezza, per un totale di 4,09 metri, e di ben 12 centimetri in larghezza, passando da 1,73 a 1,85 metri, tanto che lo spazio a bordo si avvicina a quello di una berlina compatta del segmento superiore. Il bagagliaio, con i suoi 410 litri, è da record tra le utilitarie.

In termini di qualità percepita, pur restando una vettura realizzata con grande attenzione ai costi di produzione, la situazione è migliorata. Sugli allestimenti di alta gamma la plancia è stata impreziosita con una fascia in tessuto, mentre il sistema multimediale, compatibile con Android Auto e Apple CarPlay, può contare su un nuovo schermo touch da 8 pollici. Le plastiche restano tutte rigide e le finiture non sono accurate, ma gli interni, nel complesso, sono più accoglienti, tecnologici e contemporanei. Peccato per quel volante a 4 razze dall’aspetto superato.

I motori a benzina e GPL (anche con cambio automatico CVT)

La gamma prevede tre varianti del 1.0 3 cilindri omologato Euro 6D. Una aspirata da 65 Cv con cambio manuale a 5 marce, una turbo da 90 Cv con cambio manuale a 6 marce o CVT, e una turbo GPL da 100 Cv con cambio manuale a 6 marce. E sarà proprio la variante a gas quella più apprezzata dal pubblico della Dacia Sandero, che non solo fa risparmiare, ma con i suoi 10 Cv in più ha una velocità massima superiore ed è più rapida nello 0-100.

Streetway e Stepway

La Streetway è la variante più classica (e anche economica) della Dacia Sandero, e con la terza generazione si lascia alle spalle quello stile da auto ultra basic, specie se si opta per i cerchi in lega da 16 pollici opzionali.

La Sandero Stepway, la più apprezzata sul mercato italiano, è la variante crossover con assetto rialzato di 4,1 centimetri, protezioni in plastica nera, paraurti specifico con piastra di protezione, e cofano bombato.

TEST DRIVE: LE IMPRESSIONI DELLA SANDERO STEPWAY GPL

Il cambiamento della Dacia Sandero è equiparabile a quello che c’è stato tra la precedente generazione di Duster e il nuovo modello. Lo sterzo, da sempre pesante, è finalmente leggero, e lo stesso si può dire della leva del cambio manuale a 6 marce, dalla corsa più corta e più morbida da manovrare.

Si sente subito, dunque, il notevole passo avanti: la Sandero non è più un “trattorino” per braccia robuste, ma un’utilitaria facile da guidare.

E poi è molto più sicura. I sistemi di assistenza alla guida, prima assenti, sono finalmente arrivati, dalla frenata automatica d’emergenza attiva fino a 170 km/h all’avviso dell’angolo cieco. La carrozzeria è stata rinforzata, e debuttano nuovi airbag laterali a tendina.

Il motore della Dacia Sandero GPL è un 3 cilindri turbo dal temperamento brillante. Un po’ ruvido ai bassi regimi, offre la potenza giusta per affrontare brillantemente il traffico cittadino e per spingersi oltre, anche in autostrada, con la giusta dose di potenza. Tra l’altro raggiunge una velocità massima di 183 km/h, superiore a quella della versione a benzina che si ferma a 178 km/h. Nella guida, in realtà, la differenza tra le due versioni è impercettibile.

Il tutto con costi di percorrenza ridotti ai minimi termini: nonostante il consumo di GPL sia superiore del 20/30% rispetto a quello della benzina, si compensa ampiamente con un prezzo al litro inferiore alla metà.

Il vantaggio della Sandero GPL rispetto alle concorrenti a gas sta anche nel prezzo contenuto, sia in termini assoluti sia rispetto alla variante a benzina. La capacità del serbatoio del gas è di 50 litri, di cui 40 effettivi, che abbinato ai 40 litri del serbatoio della benzina consente un’autonomia complessiva di 1.300 km.

VERDETTO

La nuova Dacia Sandero resta l’auto economica e razionale di sempre, spartana nelle finiture e con una quantità di spazio degna di un modello del segmento superiore. Il miglioramento in termini di comfort e sicurezza è notevole, e come prima la versione GPL è la più interessante della gamma: economica, brillante nelle prestazioni, e con un prezzo di listino superiore di appena 500 euro rispetto alla versione a benzina.

IL PREZZO DELLA NUOVA DACIA DUSTER 2021, BENZINA E GPL

Si parte da un prezzo da record nel segmento (e non solo) di 8.950 euro per la 1.0 SCe 65 Streetway Access, da 11.050 euro per la 1.0 TCe 90 Streetway Essential, 11.550 euro per la variante a GPL, e da 13.600 euro per quella col cambio automatico nell’allestimento Streetway Comfort.

La Dacia Sandero Stepway è disponibile solo con l’1.0 turbo da 90 Cv a benzina o GPL con prezzi a partire da rispettivamente 12.600 e 13.100 euro.

Autore: Michele Neri