Mini elettrica, svelati alcuni dettagli

25-Lug-2018  

Si avvicina il momento della nuova MINI completamente elettrica. Il marchio britannico del Gruppo BMW ha svelato in occasione del Festival of Speed di Goodwood alcuni bozzetti dei dettagli che caratterizzeranno l’auto. La prima MINI 100% elettrica arriverà sulle strade nel 2019, a 60 anni dal rilascio della storica MINI.

STRATEGIA A TAPPE

MINI è un marchio dalla forte connotazione urbana e una MINI completamente elettrica è il passo successivo più naturale per guardare al futuro. Questi primi bozzetti della MINI elettrica delineano la nostra visione di un design autentico e che crea un ponte tra la storia del marchio e il suo futuro elettrico": così ha parlato Oliver Heilmer, responsabile di MINI Design. Il progetto è partito 10 anni fa, con il prototipo MINI E, ed è proseguito nel 2017 con il lancio della MINI Cooper SE Countryman ALL4 ibrida plug-in. Il 2019 dunque rappresenta il momento finale del piano NUMBER ONE> NEXT del Gruppo.

SEGNI PARTICOLARI

Un assaggio di ciò che sarà la MINI elettrica era presente allo stand MINI del Festival di Goodwood, dove i visitatori hanno potuto provare la MINI Electric Concept, modello precursore della produzione in serie. I dettagli della MINI a batteria elettrica anticipati durante la celebre manifestazione inglese, anticipano alcune parte della vettura. Per esempio la griglia frontale della MINI elettrica sarà chiusa, non presentando elementi che necessitano di raffreddamento. La forma sarà esagonale, esclusivo tratto di design. Il fatto che sia un frontale ‘chiuso’ migliora l’efficienza aerodinamica e il flusso d’aria. Le rifiniture gialle della livrea caratterizzano la versione elettrica: una barra gialla con un distintivo ‘E’ nello stesso colore risaltano sulla carrozzeria. Straordinario è l’effetto dei cerchi, che riprendono il disegno di quelli della MINI Electric Concept: essi conferiscono un tocco asimmetrico alle ruote.

SOLIDE RADICI

Unendo sostenibilità e design, il brand MINI segue al meglio la sua filosofia: essere un’auto da città, originale, di tendenza, divertente e al passo coi tempi. Il nuovo modello elettrico verrà assemblato nella catena di montaggio della fabbrica di Oxford. Il sistema di trazione sarà invece prodotto presso gli stabilimenti di Dingolfing e Landshut, che sono le sedi dei centri per la mobilità elettrica del Gruppo BMW.

Autore: Francesco Bagini

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, eBrave S.r.l. utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy