Seat Leon e-Hybrid: prova su strada della ibrida da 204 Cv

22-Dic-2020  

La nuova Seat Leon e-Hybrid è una grande macchina, lo dico subito. A partire dal design: se la Leon precedente era ben fatta ma non ancora convinta della sua forma finale, questa ultima generazione fiorisce completamente. Sia fuori che dentro.

La versione ibrida plug-in 1.4 e-Hybrid con i suoi 204 Cv e 60 km di autonomia in full electric offre prestazioni elevate e consumi contenuti (per davvero), una soluzione ideale se avete la possibilità di attaccarla alla spina la sera. Due gli allestimenti: Xcellence, più cromata ed elegante, e la FR della nostra prova, con dettagli più sportivi e aggressivi. Vediamo come va.

Berlina generosa

Cofano lungo e linee pulite: la nuova Seat Leon prende le distanze dalla “Golf forma” e propone una vettura anche sensibilmente più lunga rispetto alla cugina tedesca, con un passo di 2,6 metri e 437 cm di lunghezza (9 cm in più). Questo grazie alla condivisione del pianale della Skoda Octavia, che si traduce in un maggiore comfort per i passeggeri posteriori. Il bagagliaio però non ne trae un gran beneficio: 360 litri, che diventano 270 nella versione plug-in hybrid.

Dentro è di una qualità eccelsa. La posizione di guida è ampiamente regolabile e la plancia è moderna, costruita su strati orizzontali scolpiti e scavati, morbidi e belli da vedere. Viene voglia di percorrere tanti chilometri, non c’è che dire. La versione FR della nostra prova poi ha il volante tagliato in basso e arricchito dalle impunture rosse: è molto piacevole da impugnare e dona un carattere extra all’abitacolo. La pulizia del tunnel centrale è risposante: al posto del selettore del cambio c’è una piccola levetta e quasi tutti i tasti fisici sono stati rimossi e soppiantati dallo schermo touch da 10 pollici (sempre di serie sulla FR).
Non manca naturalmente la strumentazione digitale, sempre personalizzabile e ricca di informazioni.

Su strada

Poche ibride invogliano alla guida sortiva quanto la Seat Leon e-Hybrid. Lo sterzo preciso, vivo, e il telaio molto reattivo vi fanno venire voglia di lanciarla in curva come teppisti. Lo so, un’ibrida dovrebbe ispirare una guida ecologica, e si può fare, ma con 204 Cv e la coppia dell’elettrico che fa pattinare le ruote è difficile resistere. Sono tre le modalità disponibili: EV (solo elttrico), Hybrid (che gestisce al meglio il termico e l’eterico), e una terza modalità che permette di risparmiare o addirittura ricaricare la batterie tramite il motore a benzina.

Nella prima si riesce a percorrere fino a 64 km (grazie alla batteria da 12,8 kWh) senza consumare un goccio di benzina: sono ben 116 Cv elettrici, mica pochi. Spingono con immediatezza e costanza fino a 130 km/h, dopodiché si attiva anche il 1.4 turbo benzina da 150 Cv.

Nella modalità ibrida i due motori lavorano insieme con buona sintonia e fluidità: la parte elettrica è sempre privilegiata (per ridurre i consumi), ma il DSG a 6 rapporti dolce e i il passaggio termico-elettrico fluido rendono la guida piacevole.

Quando si affonda il pedale però la potenza c’è tutta (i Nm sono 350), e la Leon spinge con insistenza per tutto l’intero arco del contagiri, come se sotto il cofano avesse un motore aspirato di grande cubatura. Il motore elettrico, infatti, colma i buchi e azzera i ritardi del piccolo turbo.


Consumi e tempi di ricarica

I consumi? Quelli dichiarati dalla Casa - tenendo conto dei 64 km di autonomia in elettrico - sono di 1,1 km/l. Se la batteria non è del tutto carica e l’auto, di fatto, diventa (quasi) una ibrida tradizionale, allora si percorrono circa i 15-16 km/l in città e circa 19 fuori città, niente male.

I tempi di ricarica cambiano a seconda che si decida di attaccarla a una presa domestica o a una colonnina: occorrono quattro ore da un caricatore a 3,6 kW e circa sei ore con una presa da 2,3 kW.

Prezzo e dotazione

Il prezzo della Seat Leon e-Hybrid parte 34.650 euro, ma grazie alla promozione parte da 27.150 euro con rottamazione e 29.150 euro senza. Una promozione a tempo indeterminato, che non verrà ritoccata fino al prossimo aggiornamento del listino. Due gli allestimenti, FR e Xcellence, entrambi molto completi (adas, navigazione): la FR aggiunge elementi e dettagli neri, i cerchi da 18” anziché i 17”, il clima trizona e i paraurti e il volante sportivi.

Autore: Francesco Neri
Alfa Romeo Giulia vs Stelvio