Poco dopo aver provato la versione 1.6 dCi da 130 CV ci siamo messi al volante della Renault Scénic 1.5 dCi 110 Hybrid Assist. Questo modello rappresenta una grande novità per Renault: si tratta della prima vettura del marchio francese equipaggiata con un sistema ibrido cosiddetto “mild-hybrid”, dove un piccolo motore elettrico supporta il motore endotermico diesel al fine di abbassare i consumi e le emissioni.
 

COME SI PRESENTA

Per questo paragrafo rimandiamo alla prova della Renault Scénic 1.6 dCi 130 Bose: in quanto a estetica e praticità, tra le due versioni non cambia nulla. Il motore della Scénic ibrida diesel, però, merita un discorso a parte. Il suo motore è l’1.5 dCi da 110 CV, al quale abbina un’unità elettrica con batteria da 48 Volt che eroga 13,6 CV di potenza e 15 Nm di coppia.

Il piccolo motore elettrico entra in funzione nelle fasi di accelerazione, fornisce una dose supplementare di coppia e alleggerisce il compito all’1.5 dCi. Il consumo dichiarato, più basso dell’8%, passa quindi da 3,9 l/100 km a 3,6 l/100 km, ovvero 25,6 km/l vs 27,8 km/l a favore della ibrida. Le batterie si ricaricano sia nelle fasi di rilascio sia durante la frenata.
 

COME VA

In termini di guida, per la maggior parte del tempo sembra di essere al volante di una normale Renault Scénic diesel. Al contrario di molte altre auto ibride, sulla monovolume francese c’è il cambio manuale e non è prevista una modalità di guida 100% elettrica, nemmeno quando si viaggia a passo d’uomo. I vantaggi di questo sistema? L’assenza di manutenzione, il peso ridotto (appena 78 kg) e il costo ridotto. Inoltre la Renault Scénic Hybrid Assis gode, nelle città che ne incoraggiano l’uso, di tutti i vantaggi delle auto ibride in termini di circolazione, come l’accesso alle zone a traffico limitato e i parcheggi gratuiti nelle strisce blu.

L’unica differenza rispetto alla versione diesel tradizionale si sente quando si rilascia il pedale del gas, perché il motore elettrico che funge da generatore causa un effetto freno-motore importante. Una sensazione inizialmente strana, alla quale ci si abitua dopo qualche decina di chilometri. In sostanza si usano molto meno i freni, e si spreca di meno l’energia cinetica, che viene trasformata in energia immagazzinata dalla batteria.

Passando ai consumi riscontrati nel corso della prova, è davvero molto facile stare sopra i 20 km/l senza doversi concentrare troppo, con punte di 25 km/l nei percorsi extraurbani e un minimo di 16-18 km/l nell’uso cittadino. Tra l’altro in ripresa la Scénic Hybrid Assist sfrutta la coppia del motore elettrico che si somma a quello del motore diesel e lo spunto ai bassi regimi migliora.


QUANTO COSTA

La Renault Scénic 1.5 dCi Hybrid Assist costa 1.000 euro in più rispetto alla versione 1.5 dCi 110. Si parte quindi da 29.100 euro per l’allestimenti Intens, per passare ai 30.800 euro della Bose fino ad arrivare ai 35.100 euro della top di gamma Bose. Guardando solo ai consumi, per raggiungere il punto di pareggio serve fare molta strada, forse troppa: in base ai dati dichiarati non basterebbero 200.000 km. Ma se si possono sfruttare i vantaggi concessi alle auto ibride in città, questa monovolume ibrida diesel diventa la scelta migliore.
 

POSSIBILI ALTERNATIVE

La monovolume francese è l’unica a proporre un motore ibrido diesel nel suo segmento. Restando in tema monovolume ibride, la BMW Serie 2 Active Tourer è disponibile con un motore ibrido a benzina da 224 CV con prezzi a partire da 37.500 euro, mentre la Toyota Prius+ a 7 posti, equipaggiata con un 1.8 ibrido a benzina da 136 CV, costa 31.900 euro.

Le altre ibride diesel sul listino? Oltre alla Renault Scénic 1.5 dCi Hybrid Assist c’è solo la Mercedes Classe C 300 h da 231 CV che sfiora i 50.000 euro.
 

A CHI SI RIVOLGE

A chi cerca un’auto spaziosa, pratica e particolarmente sobria nei consumi, magari per poter sfruttare i vantaggi riservati alle auto ibride. Rispetto alle ibride a benzina, molto parche in città ma poco efficienti in autostrada, la Renault Scénic Hybrid Assist garantisce ottime percorrenze anche sulle lunghe distanze grazie al motore diesel. 


PUNTI DI FORZA

- Racchiude i vantaggi delle auto diesel (consumi bassi in autostrada) con quelli delle auto ibride
- Il sistema ibrido incide poco sul prezzo e sul peso della vettura
 

PUNTI DI DEBOLEZZA

- Su questa versione non è disponibile il cambio automatico EDC
- Il freno-motore accentuato richiede una certa assuefazione