Yokohama, test su una pista di ghiaccio

26-Mar-2018  

Yokohama investe nella ricerca per gli pneumatici invernali. Il centro prove di Hokkaido è stato dotato di una struttura coperta per testare le gomme su ghiaccio a temperature rigide costanti. Una soluzione che elimina la variabile meteorologica nello sviluppo della gamma invernale.
 

LA NUOVA PISTA SU GHIACCIO

Yokohama Rubber ha inaugurato la nuova pista indoor all’interno del TTCH (Tire Test Centre Hokkaido), questa la sigla della realtà, operativa dal dicembre 2015. Situata nella città di Asahikawa il nuovo impianto sta aiutando dallo scorso 5 gennaio la Casa di Tokyo nel valutare la bontà dei propri pneumatici invernali. La temperatura del manto della pista ghiacciata può infatti essere regolata manualmente, evitando ai progettisti di avere dati falsati dalle condizioni atmosferiche. La superficie totale della nuova ‘pista su ghiaccio’ è pari a 2.860 metri quadrati e ha un soffitto alto 8,8 m. Ciò permette le prove anche di veicoli di grandi dimensioni, come autobus o camion. La lunghezza dell’edificio è di 119 metri, la larghezza misura invece 24 metri. L’impianto permette anche di svolgere corsi di guida sulla pista innevata a velocità superiori ai 100 km/h, oppure in modalità neve/ghiaccio.
 

DAL GIAPPONE ALLA SVEZIA

Sulla propria gamma invernale Yokohama punta molto. L’obiettivo è quello di staccare la concorrenza proprio sui terreni innevati. Non a caso la Casa nipponica affianca la nuova struttura del TTCH al tracciato di test in Svezia, il Yokohama Test Center of Sweden (YTCS). Così il lavoro viene suddiviso: a Hokkaido si effettua la verifica della gamma completa delle gomme invernali, mentre in Svezia si svolge la ‘prova del nove’, con ulteriori test di performance per le serie di prodotto che finiscono sui mercati di Europa continentale, Russia e Nord Europa. Questo attacco a due punte di Yokohama consente prove mirate per produrre pneumatici adatti alle condizioni stradali invernali nelle specifiche regioni di utilizzo.

Autore: Francesco Bagini
Fiat 500 elettrica