Nissan, il test su strada dell'Invisible-to-Visible

18-Mar-2019  

Sul circuito Grandrive di Yokosuka, in Giappone, Nissan ha svolto il test della tecnologia Invisible-to-Visible su un veicolo in movimento. È stata la prima volta che questo sistema è stato provato su strada, utilizzando la connettività mobile di 5^ generazione 5G di Docomo.

IL PRIMO TEST

Presentata per la prima volta all’ultimo CES di Las Vegas, Invisible-to-Visible (I2V) è una tecnologia che riesce a coniugare il mondo reale con quello virtuale e che si inserisce nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Quest’ultima è la strategia con cui la Casa nipponica intende ridefinire il modo in cui i veicolo sono alimentati, guidati e connessi alla società.

VEDERE L’INVISIBILE

Vedere l’invisibile è possibile con la Nissan Intelligent Mobility. I2V combina infatti il visibile, cioè tutte le informazioni trasmesse dai sensori esterni e interni al veicolo con i dati provenienti dal cloud, con l’invisibile, per esempio l’angolo cieco in fondo a una lunga strada, dietro un edificio o dopo una curva.

PASSEGGERI VIRTUALI

In più la tecnologia Invisible-to-Visible mette guidatori e passeggeri in contatto con Metaverse. Familiari, amici o altre persone possono infatti venire visualizzati a bordo dell’auto sotto forma di avatar tridimensionali per tenere compagnia o fornire assistenza. L’abitacolo è dunque un mondo virtuale dove le persone possono interagire tramite avatar.

CONNETTIVITÀ MOBILE 5G

Per trasmettere i dati dell’avatar in modalità wireless all’interno del veicolo, Nissan e Docomo hanno utilizzano durante il test la connettività mobile 5G ad alta velocità, con ampia capacità e latenza minima. Il mezzo utilizzato in circuito è stato l’NV350 Caravan.

WORK IN PROGRESS

Il test è servito alle aziende per valutare come le persone in carne e ossa e quelle rappresentate tramite avatar percepiscono la presenza le une delle altre. Altro aspetto di studio sarà la praticità d’uso delle funzionalità di comunicazione interattiva della tecnologia I2V. Per il futuro Nissan e Docomo intendono continuare le attività congiunte di test e di ricerca della tecnologia I2V e le sue applicazioni. Il fine è quello di aumentare la connettività a bordo delle auto.

Autore: Francesco Bagini

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, eBrave S.r.l. utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy