Limiti per neopatentati 2019: kw, potenza, cilindrata e velocità

09-Gen-2019  
  • limiti per neopatentati

I neopatentati sono coloro che hanno conseguito una patente di categoria A, A2, B o B1 da meno di 3 anni.

Nell’arco di questo periodo sono soggetti a limiti più stringenti rispetto ai conducenti in possesso di patente di guida da un numero maggiore di anni, che nel complesso vanno a definire tutti i limiti per neopatentati 2019.

Le limitazioni per neopatentati riguardano la velocità da mantenere su autostrade e strade extraurbane principali, il tasso alcolemico, le politiche di decurtazione punti patente e di bonus, i limiti di cilindrata, kw, cv e potenza nella scelta di acquisto di un’auto (come vedremo questo vincolo vale per 12 mesi e non 36 mesi come i precedenti).

Le limitazioni di seguito riportate valgono anche per gli stranieri extra UE, che vengono considerati a tutti gli effetti neopatentati a partire dalla data di conversione della propria patente di guida ottenuta nel Paese di origine in patente italiana.

 

INDICE
Limiti di velocità per neopatentati 2019
Decurtazione punti patente e bonus per neopatentati
Limiti di potenza, kw e cavalli per neopatentati
Tasso alcolemico zero fino a 3 anni dal conseguimento della patente

In base all’articolo 117 del codice della strada, i neopatentati non possono superare i 100 km/h sulle autostrade e i 90 km/h sulle strade extraurbane principali.

Le limitazioni di velocità partono dal giorno del conseguimento della patente di guida e durano per 3 anni, trascorsi i quali valgono poi i limiti di velocità generali, ovvero 130 km/h su autostrade e 110 km/h su strade extraurbane principali.

Anche per i neopatentati valgono invece i limiti di 50 km/h nei centri abitati (strade urbane) e di 90 km/h nelle strade extraurbane secondarie.

Le sanzioni per chi non rispetta i limiti di velocità variano in base all’entità dell’infrazione e prevedono multe e sanzioni accessorie.

Per i neopatentati le multe partono da 161 euro mentre le sanzioni accessorie quali la decurtazione dei punti della patente sono decisamente più salate rispetto agli automobilisti con più di 3 anni di patente.
Il codice della strada prevede infatti una decurtazione dei punti patente doppia, il che si traduce in:

  • Meno 6 punti della patente per il superamento dei limiti di velocità da 10 a 40 km/h
  • Meno 12 punti della patente per il superamento dei limiti da 40 a 60 km/h
  • Meno 20 punti della patente per infrazioni di oltre 60 km/h rispetto ai limiti previsti.
     

Come nel caso dei limiti di velocità, la decurtazione doppia dei punti della patente per neopatentati si applica a tutte le infrazioni previste del codice della strada.

Se volete approfondire, in questo articolo abbiamo elencato tutte le situazioni che comportano la sottrazione di punti dalla propria patente di guida, ricordate appunto che per i neopatentati bisogna raddoppiare i punti decurtati.

Per esempio, andando a prendere alcune delle violazioni del codice della strada più comuni avremo una situazione di questo tipo nei confronti di chi ha preso la patente da meno di 3 anni:

  • Non fare uso dei dispositivi di illuminazione o segnalazione visiva quando prescritto, meno 2 punti
  • Cambi di corsia irregolari o svolte non segnalate, meno 4 punti
  • Mancato rispetto della distanza di sicurezza, meno 6 punti
  • Guida contromano non in curva, meno 8 punti
  • Mancato rispetto dell’obbligo di dare la precedenza, meno 10 punti
  • Inversione di marcia in prossimità di curve, di incroci o di dossi, meno 16 punti
  • Circolazione contromano in caso di curve o in condizioni di scarsa visibilità, meno 20 punti

Le legge prevede anche un meccanismo a premi, dei bonus per gli automobilisti che in un anno non commettano sanzioni al codice della strada che comportino decurtazione di punti patente.
Il bonus si traduce in 2 punti premio sulla patente di guida mentre per i neopatentati il bonus è di 1 punto per ogni anno senza gravi infrazioni al volante, raggiungendo quindi un massimo di 3 punti extra in 3 anni.

Arriviamo ad una delle limitazioni più discusse e controverse per coloro che hanno appena conseguito la patente di guida, ovvero le limitazioni di potenza, kw e cavalli sulle auto per neopatentati valide anche per il 2019.

Spesso si parla di limitazioni di cilindrata per neopatentati ma questo riferimento non è propriamente corretto, poiché i vincoli sono stabiliti sul rapporto KW/tara del veicolo, sul numero dei cavalli e su quello dei KW dell’auto.

Nel dettaglio, un’auto, per essere guidabile da un neopatentato deve avere un rapporto KW/tara minore o uguale a 55. Nella auto immatricolate a partire da ottobre 2007 il dato viene riportato sul libretto di circolazione del veicolo, mentre in precedenza spesso non veniva segnalato. Un servizio utile per risalire dalla targa ad un veicolo guidabile o meno da un neopatentato è quello che trovate qui.

L’altro limite di potenza per neopatentati è legato ai KW dell’auto, che devono essere minori o uguali a 70 KW (circa 95 CV).

Importante ricordare che le limitazioni sulle auto per neopatentati valgono per 12 mesi dal conseguimento della patente di guida, e non 36 mesi come i vincoli descritti in precedenza.

Per chi non rispetta le regole è prevista una multa da 161 a 647 euro e la sospensione della patente di guida da due a otto mesi.

A chi fosse interessato ad acquistare un’auto idonea per chi ha appena preso la patente, segnaliamo questo articolo dove viene riportata la lista completa delle auto per neopatentati 2019.

Arriviamo ad uno dei temi più sensibili per i neopatentati, quello della guida sotto effetto di alcolici.
La guida in stato di ebbrezza costituisce un reato e le sanzioni vengono elencate nel dettaglio nell’articolo 186 del codice della strada.

Partiamo subito col dire che il legislatore ha previsto tolleranza zero per i neopatentati, per i primi 3 anni di patente il limite alcolemico per neopatentati deve essere pari a zero pena il pagamento di una multa di 624 euro, se il tasso alcolemico riscontrato è minore o uguale a 0,5 grammi per litro.

Se il tasso alcolemico fosse superiore, le sanzioni sono quelle previste dal codice della strada aumentate di un terzo. Riportiamo le sanzioni base:

  • Tasso alcolemico tra 0,5 e 0,8 grammi/litro, multa da  527 a 2.108 euro e sospensione della patente per 3-6 mesi.
  • Tasso alcolemico tra 0,8 e 1,5 grammi/litro, ammenda da 800 a 3.200 euro e sospensione della patente per 6-12 mesi, con arresto fino a 6 mesi
  • Tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi/litro, multa da 1.500 a 6.000 euro, arresto da 6 mesi a 1 anno e sospensione della patente per 1-2 anni.

Per ulteriori dettagli sulla guida in stato di ebbrezza e i limiti alcolemici per neopatentati vi rimandiamo all'articolo sulla guida sotto effetto di alcolici.

Autore: Dario Rabozzi

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, eBrave S.r.l. utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy