Cambiare completamente volto a una delle SUV più vendute nel segmento è coraggioso, bisogna ammetterlo. A maggior ragione se il 70% dei clienti l’ha scelta per il suo design. La nuova Kia Sportage - siamo alla quarta generazione - è tutta nuova, a cominciare dal suo aspetto. Si guida meglio, è più agile e  la qualità dei suoi interni ha fatto passi da gigante. 
 

 

DESIGN: LA PRIMA RAGIONE D’ACQUISTO

Che le forme di un’auto siano tra le prime ragioni d’acquisto non è una novità, ma la Kia Sportage va oltre: ben il 70% dei suoi clienti l’hanno scelta per le sue qualità estetiche. L’occhio vuole la sua parte, e i designer Kia hanno tenuto in forte considerazione questo principio per la quarta generazione della Sportage. Non senza rischi, perché non si tratta di un semplice ritocco. L’identità è rimasta, il Tiger Nose (ovvero la griglia centrale a naso di tigre) è sempre presente, ma i tratti sono diversi, atti a mettere in risalto la muscolosità di questa SUV compatta.

In un equilibrio generale - a nostro parere il risultato è notevole - risalta anche la sezione posteriore, una delle più difficili da disegnare in un’automobile, quella che gran parte delle volte fa storcere il naso a chi la guarda.


INTERNI: TUTTA UN’ALTRA STORIA

Alla bellezza esteriore della precedente generazione di Kia Sportage non seguivano degli interni altrettanto riusciti, soprattutto nelle finiture. È qui che la nuova Kia Sportage distacca di slancio il modello precedente, perché anche una volta seduti a bordo non si resta delusi. Anzi, l’impressione è di trovarsi a bordo della sorella maggiore Kia Sorento

Innanzitutto c’è più spazio per i passeggeri grazie al passo più lungo di 30 mm (non che prima mancasse, ma adesso è davvero abbondante) e il bagagliaio passa da 465 a 503 litri. E poi i materiali della plancia - plastiche morbide su tutta la parte superiore - aumentano la qualità percepita. Ancora di più con il display da 8” del sistema multimediale con navigatore GPS.


KIA SPORTAGE 2.0 CRDi 4WD SU STRADA

Abbiamo guidato la versione 2.0 turbodiesel da 136 CV a trazione integrale equipaggiata con il cambio automatico con convertitore di coppia a 6 marce. Il peso rispetto alla precedente generazione è rimasto quasi invariato, eppure al volante della nuova Kia Sportage ci si accorge in fretta che la precisione di guida è aumentata: merito di un telaio più rigido, di una nuova taratura delle sospensioni e anche di uno sterzo più preciso. 

Il 2.0 4 cilindri, forte di 373 Nm disponibili tra i 1.500 e i 2.500 giri, muove con un discreto brio la Sportage - non si sente il bisogno di avere più potenza - e il cambio automatico fa il bene suo dovere: assicura passaggi di marcia sufficientemente rapidi in gran dolcezza. Non ha velleità sportive, e la modalità manuale non regala grandi soddisfazioni, ma è proprio quello che serve per una SUV come la Sportage, un’auto confortevole e adatta a percorrere lunghe distanze senza affaticare chi è a bordo. Il comfort è assicurato anche dall’insonorizzazione molto curata che filtra molto bene rumori esterni. Bassi i consumi indicati dalla Casa: 19,2 km/l nel ciclo combinato.


VERSIONI E PREZZI DELLA NUOVA KIA SPORTAGE

La bestseller sarà la Sportage 1.7 CRDi 2WD da 115 CV, a seguire la Sportage 2.0 CRDi 4WD proposta in due varianti di potenza (136 e 185 CV).

Due le versioni a benzina: Sportage 1.6 GDI da 136 CV e Sportage 1.6 T-GDi DCT AWD da 177 CV, l’unica a essere equipaggiata con un cambio automatico a doppia frizione.

La nuova Kia Sportage 1.7 CRDi 2WD costa 23.500 nell’allestimento Active (equipaggiata di serie con il climatizzatore manuale e i cerchi in lega da 16”), 25.500 nell’allestimento Cool (cerchi da 17”, climatizzatore automatico, cruise control, Bluetooth, sensori di parcheggio, sensore pioggia), e 27.500 nell’allestimento Class (cerchi da 19”, sensore luci con abbaglianti automatici, Kia Connected Service gratis per 7 anni).

La gamma 4WD della Kia Sportage è declinata negli allestimenti Rebel e GT Line offerti allo stesso prezzo: il primo più elegante, il secondo più sportivo. Prezzi da 34.500 per la 2.0 CRDi da 136 CV e per la 1.6 T-GDi DCT; da 35.250 per la 2.0 CRDi da 185 CV. 

Prezzo d’ingesso di 21.000 euro per la Sportage 1.6 GDI, la versione aspirata a benzina da 136 Cv adatta agli spostamenti brevi che, prossimamente, sarà disponibile anche con l’impianto GPL di fabbrica firmato BRC.