Renault: ecco la gamma E-Tech, quella ibrida

10-Lug-2020  
  • Renault Clio, Captur e Mégane ibride
  • renault clio ibrida
  • renault caputr ibrida
  • renault caputr ibrida e-tech
  • renault caputr ibrida e-tech cambio
  • renault megane ibrida plug-in
  • renault megane ibrida plug-in posteriore
  • renault megane ibrida ricarica

Endotermico, elettrico e adesso anche ibrido. Certo che Renault non si fa mancare proprio nulla. Così, dall’esperienza in Formula 1, nasce la sigla E-Tech che, da oggi in poi, contraddistinguerà le sue vetture ibride: Clio full hybrid, Captur e Mégane ibride plug-in.

La nuova gamma E-Tech in breve

“Siamo arrivati nel momento giusto con prodotti giusti”. Esordisce così il direttore della comunicazione di Renault Italia Francesco Fontana Giusti alla presentazione della nuova gamma ibrida E-Tech. Dove “E” sta per elettrico e “Tech” sta per “tecnologia”. Quella derivata dal know how acquisito in Formula 1. 

Clio Full Hybrid, Captur e Mégane plug-in Hybrid

L’idea “furba” è quella di avere applicato la tecnologia ibrida ai suoi modelli best seller: Clio (full hybrid), Capture e Mégane (entrambe plug-in, ovvero ricaricabili alla spina). 

Per quanto riguarda la “E”, cos’hanno in comune i due sistemi elettrificati (full hybrid e plug-in hybrid)? In comune hanno l’avvio sistematico sempre 100% elettrico, l’accelerazione simile ad un veicolo elettrico, l’ottima efficienza nella gestione del carburante, la frenata rigenerativa simile a quella di un veicolo elettrico massimizzata dalla nuova modalità di guida B Mode, e l’elevata capacità di autoricarica della batteria nelle fasi di decelerazione grazie al recupero energetico in frenata, che permette di ricaricare la batteria “gratis”, ma anche di evitare di usare i freni e quindi di consumarli. 

Un cambio mai visto prima

Dal punto di vista del “Tech”, invece, in comune hanno l’architettura con motore termico 1.6 4 cilindri a benzina, due motori elettrici alimentati da una batteria, e l’innovativa trasmissione intelligente Multi-Mode con innesto a denti senza frizione, che ottimizza la velocità e rende fluido il cambio marce: le 15 combinazioni di velocità disponibili sono regolate automaticamente dal computer di bordo che seleziona il miglior rapporto per incrementare il rendimento energetico e garantire il piacere di guida con cambi marcia quasi impercettibili. 

Scheda tecnica e consumi delle ibride Renault E-TECH

La tecnologia ibrida E-TECH prevede due motori elettrici (a cui si aggiunge uno starter ad alta tensione di tipo HSG, High-Voltage Starter Generator), un motore 1.6 benzina di nuova generazione da 91 CV dotato delle ultime tecnologie tra cui il Bore spray coating , la Valvola EGR, e il FAP. Il tutto costituisce un gruppo motopropulsore compatto sia per i veicoli full hybrid che Plug-in hybrid.

La potenza complessiva è di 140 CV per Clio, e 160 CV per Captur e Mégane. La capacità della batteria agli ioni di litio varia secondo il tipo di motorizzazione ibrida: su Clio E-TECH Hybrid, la batteria da 1,2 kWh (230 V) riduce considerevolmente i consumi di carburante (23,3 km/l dichiarati) e le emissioni di CO2, consentendo di circolare in ambiente urbano fino all’80% del tempo in modalità full electric.  Su Captur E-TECH Plug-in Hybrid e Mégane E-TECH Plug-in Hybrid, invece, la batteria da 9,8 kWh (400 V) permette di percorrere fino a 65 km in modalità full electric nel ciclo urbano, in base alle misurazioni WLTP. Con la batteria completamente carica percorrono, in base ai dati dichiarati, rispettivamente 71,4 e 76,9 km/l.

Test drive: le sensazioni di guida

Iniziamo subito con il dire che le tre vetture ibride (Clio, Captur e Mégane), rispetto alle versione tradizionali, dal punto di vista estetico sono praticamente identiche. Si distinguono solamente per i loghi E-Tech, specifici badge e per qualche piccolo dettaglio. Cambiano, ovviamente i pesi complessivi dovuti alla presenza dei motori elettrici e delle batterie, quest’ultime posizionate sotto il bagagliaio. 

Clio E-Tech Hybrid. Il suo powertrain prevede 91 CV dall’unità a benzina, 49 CV da quella elettrica principale e 20 CV da quella secondaria full hybrid, per una potenza combinata di 140 cavalli. I settaggi MULTI-SENSE consentono al guidatore di scegliere la modalità di guida a seconda del suo umore o del profilo stradale che gli si prospetta. 

My Sense è la modalità ideale per la vita quotidiana, quella che offre il miglior compromesso per una guida che associa una tenuta di strada convincente con una vera sensazione di dinamicità in fase di accelerazione. Tutto questo grazie a un “effetto elettrico” molto evidente (avviamento sempre in modalità elettrica e coppia immediatamente disponibile) e facile da mantenere o ripetere, soprattutto nell’utilizzo urbano, ma anche a velocità più sostenute. 

La modalità Eco è associata a una mappatura del pedale dell’acceleratore meno dinamica e più dosabile nonché a leggi di cambio marce adattate. La modalità Sport, invece, sfrutta tutto il potenziale del sistema in termini di tempo di risposta e performance. 

Dal “power meter”, presente sul cruscotto, si evincono la quantità di potenza richiesta per l’accelerazione, ma anche le fasi rigenerative (decelerazione, frenata). Infine, l’indicatore di ricarica della batteria, situato sulla sinistra del cruscotto, specifica la quantità di energia elettrica disponibile in tempo reale nonché la dinamica dei consumi a seconda della domanda di potenza e/o del profilo stradale. L’associazione di questi tre indicatori consente una buona comprensione della guida. 

Captur E-TECH Plug-in Hybrid. Qui i due motori elettrici erogano singolarmente 67 CV (quello principale) e 34 CV (quello secondario), e la potenza combinata è di 160 CV. Ha un comportamento dinamico interessante, molto apprezzato in città, nei percorsi dove capita di doversi fermare e accelerare molto spesso e anche sulle strade a scorrimento veloce grazie al contributo di energia elettrica che si ottiene spingendo sull’acceleratore, ma è anche possibile raggiungere la velocità di 135 km/h senza l’aiuto del motore a benzina.

Chi guida può scegliere di “mettere lo zampino” sulla gestione tra termico ed elettrico, utilizzando i settaggi MULTI-SENSE, che propongono, in particolare, la modalità Pure per forzare la circolazione elettrica (ad esempio, quando si arriva in centro città) e la modalità Sport per essere sicuri di sfruttare tutta la potenza combinata dei vari motori, in caso di sorpasso, per esempio. A bordo, è impressionante il “silenzio”: nessun rumore dal cofano, nessuna strana vibrazione. Il comfort è buono per tutti i passeggeri

Mégane E-TECH Plug-in Hybrid. Sotto il cofano c’è la stessa identica tecnologia della Captur E-TECH Plug-in Hybrid. Anche a bordo di questa vettura il guidatore può scegliere di “personalizzare” la gestione tra termico ed elettrico, utilizzando i settaggi MULTI-SENSE, che propongono, in particolare, la modalità Pure per forzare la circolazione elettrica (ad esempio, quando si arriva in centro città) e la modalità Sport per essere sicuri di sfruttare tutta la potenza combinata dei vari motori, in caso di sorpasso, per esempio.

È stato effettuato un grande lavoro per cercare il giusto compromesso su strada tra comportamento dinamico e salvaguardia del comfort. Per compensare il peso aggiuntivo delle batterie, il retrotreno ha scambiato l’assale semirigido con un sistema a più bracci mentre i settaggi delle sospensioni sono stati finemente adattati dagli ingegneri. La Mégane nella versione E-Tech Plug-in Hybrid mantiene su strada le qualità riconosciute alle versioni termiche, mentre il volume di caricodel bagagliaio non è stato compromesso (447 litri). 

Il verdetto

Clio, Captur e Megane, tutte E-Tech: la prima è la più user friendly, non ha bisogno di essere ricaricata e offre un gran risparmio, specie nei percorsi urbani, dov’è in grado di circolare per la maggior parte del tempo on modalità elettrica. In termini di consumo, il valore dichiarato è di 23,3 km/l.

Captur e Mégane, grazie alla batteria capiente, possono percorrere decine di chilometri senza bruciare una goccia di benzina, e lo dimostra la percorrenza media con la batteria completamente carica, di 71,4 km/l per Captur e 76,9 km/l per la più aerodinamica Mégane; di contro, quando la batteria è scarica, vanno collegate alla spina.

Delle due ibride plug-in, la Captur è la più “fresca”, la più moderna, la più giovanile, mentre la Mégane sembra ideale per una clientela ultra 40 enne. 

I prezzi della gamma Renault E-Tech 

I prezzi partono da 21.950 euro per la Clio e da 32.950 euro per la Captur Plug-in Hybrid nell'allestimento Intens. Disponibili in concessionaria da fine luglio. Commercializzazione a settembre 2020. Della Megane Plug-in Hybrid, che verrà commercializzazione in autunno, i prezzi non sono ancora stati fissati.  

Autore: Ferdinando Sarno

Opel Mokka-e