Michelin: sviluppo degli pneumatici tramite il simulatore

18-Mag-2023  
  • Michelin sviluppo con il simulatore 3
  • Michelin sviluppo con il simulatore
  • Michelin sviluppo con il simulatore 2
  • Michelin sviluppo con il simulatore 4
  • Michelin sviluppo con il simulatore 5
  • Michelin sviluppo con il simulatore 6
  • Michelin sviluppo con il simulatore 7
Ferrari 296 Test Drive

Michelin ritiene che i simulatori siano fondamentali per lo sviluppo degli pneumatici, sia nelle competizioni, sia nell’utilizzo stradale. La tecnologia dei simulatori ha compiuto passi da giganti, e ora è così accurata che quest’anno, per la prima volta, le Hypercar che parteciperanno alla 24 H di Le Mans utilizzeranno pneumatici progettati interamente con software di simulazione.

Questa tecnologia è anche alla base della collaborazione con le case automobilistiche, fondamentale nello sviluppo di pneumatici ad alte prestazioni delle auto sportive stradali. Grazie alla modellazione matematica del pneumatico, il simulatore consente di scegliere le dimensioni e le tecnologie più adatte alla vettura in questione, selezionando nel dettaglio le caratteristiche e la distribuzione dei pesi.

Questo strumento accurato di analisi di dati ha permesso a Michelin di imporsi come leader tecnologico e come azienda data-driven. Il simulatore non solo velocizza il processo di creazione e progettazione della “gomma”, ma permette anche di assistere meglio i partner e di ridurre l’impatto ambientale della sezione ricerca e sviluppo.

Ma vediamo come lavora in pratica il simulatore. Il software permette di ricreare la realtà dinamica attraverso l’interazione di tre modelli digitali: il primo riproduce l’aderenza dei circuiti in modo estremamente preciso, il secondo simula il telaio dell’auto (anche l’intera vettura) e l’ultimo si occupa di riprodurre nel dettaglio il comportamento degli pneumatici.
Il pilota sul simulatore può testare diversi tipi di pneumatici in ogni configurazione possibile, riportando poi anche feedback e sensazioni, che vengono poi incrociate con i dati raccolti, proprio come accade in pista durante le gare.