Mercedes GLA e GLB, le due SUV a confronto

28-Apr-2020  
  • Mercedes GLA 2020
  • Mercedes GLA 2020 foto
  • Mercedes GLA 2020 profilo
  • Mercedes GLA 2020 interni
  • Mercedes GLA 2020 abitacolo
  • Mercedes GLB foto
  • Mercedes GLB profilo
  • Mercedes GLB posteriore
  • Mercedes GLB interni
  • Mercedes GLB abitacolo

Stessa fascia di prezzo, stile e dimensioni diverse: le nuove Mercedes GLA e GLB potrebbero, a  una prima occhiata, sovrapporsi. E, a ben guardare, i prezzi dei due modelli sono sostanzialmente uguali tra loro, a parità di motore e allestimento. Eppure le differenze non mancano, a cominciare dallo stile. Vediamo in questa guida all’acquisto le caratteristiche e le differenze tra le due SUV di Stoccarda.

INDICE
Mercedes GLA e GLB, listino prezzi allineato
Dimensioni: più compatta la GLA, anche a 7 posti la GLB
Stile, interni e sistema MBUX
La gamma motori e gli allestimenti

L’aspetto curioso di queste due SUV della Stella è il loro listino prezzi: sostanzialmente una fotocopia l’uno dell’altro, se non per lievi scostamenti. Anche i motori sono gli stessi, dunque le differenze tra i due modelli sono davvero poche.

La gamma diesel prevede il nuovo motore 2.0 4 cilindri OM654 sviluppato e prodotto da Mercedes, anche sulle versioni d’ingresso da 116 CV, prima motorizzate con l’1.5 di origine Renault. 

I motori a benzina, invece, prevedono due cubature, un 1.3 4 cilindri turbo da 163 CV (questo sì sviluppato insieme al Gruppo Renault Nissan) e un 2.0 4 cilindri turbo da 224 CV.
Tutte le versioni a benzina e diesel sono dotate di cambio automatico di serie.

I prezzi di GLA e GLB a benzina a confronto

  • GLA 200 Automatic 163 CV: 38.960 euro
  • GLA 250 Automatic 224 CV: 44.460 euro
  • GLA 250 Autoamtic 4Matic 224 CV: 46.720 euro


     
  • GLB 200 Automatic 163 CV: 39.129 euro
  • GLB 250 Automatic 4Matic 224 CV: 48.107 euro 
  • AMG GLB 35 4Matic 306 CV: 58.200 euro 

I prezzi di GLA e GLB diesel a confronto

  • GLA 180 d Automatic 116 CV: 35.580 euro
  • GLA 200 d Automatic 150CV: 38.270 euro
  • GLA 200 d Automatic 4Matic 150CV: 42.350 euro
     
  • GLB 180 d Automatic 116 CV: 35.390 euro
  • GLB 200 Automatic 150 CV: 38.443 euro
  • GLB 200 Automatic 4Matic 150 CV: 42.973 euro
  • GLB 220 d Automatic 4Matic 190 CV: 48.573 euro

Da notare come la GLA sia disponibile nelle due versioni potenti a benzina e diesel (250 e 220 d) anche a trazione anteriore, mentre la GLB venga proposta nelle stesse motorizzazioni solo con la trazione integrale 4Matic. In ogni caso la più venduta sarà, in entrambi i casi, la versione diesel 180 d.

Interessante la Mercedes-AMG GLB 35 4Matic da 306 CV, che unisce praticità a prestazioni (0-100 in 5,2 secondi) e piacere di guida. Lo stesso motore arriverà nel corso del 2020 anche sulla GLA.

La Mercedes GLA è la più compatta delle due. Con i suoi 4,41 metri di lunghezza ha dimensioni molto vicine a quelle della Classe A, con la quale condivide il pianale. L’altezza del nuovo modello è cresciuta del 10 centimetri, dunque ha un aspetto più da SUV e offre una seduta di guida alta, ma i suoi ingombri inferiori ne fanno una perfetta sostituta di una berlina compatta, a suo agio anche nell’ambiente urbano. 

La Mercedes GLB, invece, mette sul piatto ben 20 centimetri di lunghezza in più per un totale di 4,63 metri. Appena 3 centimetri in meno della sorella maggiore GLC, che però si basa su un’altra piattaforma e monta motori più potenti (di cui alcuni condivisi con la GLB). È anche più alta di 5 centimetri rispetto alla GLA, per un totale di 1.66 metri.

Ovviamente la GLB offre più spazio per passeggeri e bagagli e consente, con l’aggiunta della terza fila opzionale (al prezzo di 1.000 euro), di ospitare 7 passeggeri. Anche il bagagliaio è più generoso: 565 litri contro 425 per la GLA, che diventano 740 grazie alla panca posteriore scorrevole di 14 centimetri. Ovviamente nella configurazione a 5 posti, perché con la terza fila si riduce drasticamente.

Più aggressiva la GLA, più razionale la GLB. Che, però, non manca di personalità, ricordando, attraverso il nuovo linguaggio stilistico di Mercedes-Benz, la vecchia squadratissima GLK.

Insomma, qui lo spazio è sfruttato al massimo, nemmeno fosse una monovolume. 
Gli interni, invece, sono molto simili per entrambe, se non per alcuni piccoli dettagli stilistici della plancia. I protagonisti sono i due schermi della strumentazione digitale e del sistema multimediale MBUX con assistente vocale, un vero punto di forza della gamma Mercedes lanciato per la prima volta con la nuova generazione di Classe A.

Grazie all’assistente vocale è possibile interagire con l’auto attraverso comandi vocali colloquiali, un po’ come con Alexa, Google Home e Siri dell’iPhone. È possibile, quindi, inserire una destinazione sul navigatore, chiamare qualcuno, regolare la temperatura dell’abitacolo, cambiare stazione radio e trovare un ristorante semplicemente chiedendo all’auto. 

Come anticipato nel paragrafo relativo ai prezzi, la gamma motori delle due SUV compatte della Stella è semplice: un motore diesel - il nuovo 2.0 4 cilindri OM654 - con tre livelli di potenza di 116, 150 e 190 CV, un motore turbo benzina 1.3 4 cilindri da 163 CV e un 2.0 4 cilindri - sempre turbo benzina - da 224 CV. Mancano, al momento, versioni ibride.

Gli allestimenti determinano la dotazione di serie e caratterizzano la vettura a livello estetico.
Sono 5:

  • Executive
  • Business
  • Sport (il preferito dagli italiani)
  • Sport Plus
  • Premium (il più sportivo, caratterizzato dalle appendici aerodinamiche AMG)
Autore: Michele Neri
Fiat 500 elettrica