Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell’auto

02-Mar-2018  
  • Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell'auto 01
  • Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell'auto 02
  • Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell'auto 03
  • Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell'auto 04
  • Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell'auto 05
  • Mazda, filosofia orientale per lo sviluppo dell'auto 06

Mazda percorre senza dubbio strade di sviluppo di grande originalità. Sia per quanto concerne il discorso tecnico, motoristico, sia per quello estetico, di design. Ne sono un esempio le 2 vetture concept, presentate all’ultimo Salone di Tokyo. Dietro questi studi, ci sono partnership di peso, un severo studio sulle emissioni e una coraggiosa e pervasiva ispirazione alla cultura giapponese.
 

WELL-TO-WHEEL: LOTTA TOTALE ALLE EMISSIONI

L’attenzione alle emissioni è rigorosa. L’approccio è quello well-to-wheel, ‘dalla produzione all’utilizzo’, cioè attento non solo al carburante impiegato ma anche a come esso viene estratto, prodotto, trasportato. In controtendenza al consueto modo di stimare le emissioni, tank-to-wheel, ‘dal serbatoio alla ruota’, visione parziale che tralascia altri tipi di inquinamento. Un’attenzione totale, che smorza gli entusiasmi per la crescita della mobilità elettrica. Ampi sono ancora i margini di miglioramento dei motori a combustione interna. Infatti ragionando well-to-wheel, la media delle emissioni di CO2 di un veicolo elettrico è circa di 128 g/km, mentre quelle di un motore a benzina Mazda SKYACTIV-X di analoga potenza è di 142 g/km. Ciò significa che migliorandone l’efficienza solo del 10%, le emissioni del motore SKYACTIV-X diventerebbero pari a quelle delle unità elettriche. Il motore Mazda produce meno C02 di un propulsore elettrico, che viene prodotto con carbone o petrolio.

LA PROSSIMA FRONTIERA ZOOM-ZOOM

Sustainable Zoom-Zoom 2030 è il nome del nuovo progetto Mazda. Lo scopo è la diminuzione della media delle emissioni di CO2 del 50% nel 2030 e del 90% nel 2050 rispetto ai valori del 2010. Si lavorerà anche per standardizzare i sistemi di sicurezza, sviluppando quelli di guida autonoma e quelli per la connettività dell’auto. E poi il vero fine di Mazda, su cui poggia tutta la sua filosofia: la gioia di guida, cercando di infondere vita all’auto. Secondo Mazda deve essere reciproco il rapporto emozionale auto-guidatore. Per questo ambizioso traguardo Mazda si è alleata con Toyota, Subaru, Suzuki, Daihatsu, Hino e il produttore di batterie Denso. Il che non significa che la Casa giapponese rinuncerà allo sviluppo di propulsori elettrici, tanto è vero che Mazda lancerà veicoli elettrici e con tecnologia ibrida nel 2019, modelli con batterie integrate nel 2020 e il primo veicolo ibrido plug-in nel 2021.
 

LA FILOSOFIA GIAPPONESE DA CUI NASCE IL DESIGN

Come detto, il discorso originale di Mazda non si limita alle questioni tecniche. Il ricercato legame conducente/veicolo, si rifà a quello della cultura giapponese cavaliere/cavallo. Un tutt’uno che deve provocare serenità mentale e piacere di guida. E’ questo l’obiettivo del design KODO di Mazda. Una rivisitazione dell’esterno e dell’interno dell’auto, con uno sguardo basato sulla filosofia progettuale antropocentrica. Per esempio, maniacale è la cura dei sedili, dove il corpo umano così come reagisce allo sforzo delle persone quando camminano, deve adattarsi al meglio durante i viaggi in auto. La simmetria della strumentazione e delle bocchette d’aria di fronte al guidatore è un’altra intuizione per infondere quella sensazione di equilibrio e benessere.
 

CONCEPT MAZDA

Due esempi della filosofia Mazda sono stati presentati lo scorso anno al Salone di Tokyo: il concept Vision Coupè e la hatchback compatta Kai Concept. Accomunati dal principio caro alla cultura artistica nipponica, ‘less is more’. Una essenzialità e morbidezza delle curve con spazi vuoti che rendono ‘vivi’ questi modelli. Anche all’interno, in un’epoca di multidisplay e info in ogni dove, tra pannelli, consolle, plance, l’attenzione di Mazda è andata agli spazi vuoti. La carrozzeria che emerge anche nelle portiere rende l’abitacolo un tutt’uno con l’esterno.

Autore: Francesco Bagini
Fiat 500 elettrica