Quello della Ford Fiesta 1.0 EcoBoost è considerato il miglior motore al mondo con cilindrata inferiore a 1 litro: si è aggiudicato il titolo di International Engine Of The Year per ben quattro volte consecutive. Sempre più spesso i motori a benzina vengono snobbati in favore dei più briosi turbodiesel da chi cerca buone prestazioni e consumi contenuti. Tuttavia il 3 cilindri della Fiesta potrebbe farvi cambiare idea.


Ancora in forma

Sono passati quasi 3 anni dall’ultimo restyling della Fiesta, presentata al Salone di Parigi nel 2012. Facendo riferimento al ciclo di vita di un’auto, nel 2016 o al massimo nel 2017 dovrebbe arrivare il nuovo modello. Eppure la Ford Fiesta è ancora appetibile dal punto dal vista estetico, e i dati di vendita ne sono la dimostrazione: la Ford Fiesta continua a essere nella top five del suo segmento.

Un apprezzamento giustificato dalla buona qualità degli interni, dall’ottima ergonomia del posto di guida e dai materiali con cui è stata realizzata la plancia. Il sedile può essere ampiamente regolabile, il volante ha una bella consistenza e si trova nella posizione ottimale.

Il punto debole semmai è rappresentato dalla console centrale e da un sistema di infotainment ormai sorpassato. Tanti tasti, troppi, e poca immediatezza d’uso. Lo schermo da 5 pollici è piccolo per gli standard odierni, ha una grafica modesta e non ha la funzione touch: l’uso non è particolarmente intuitivo. Dalla sua, però, ha i comandi vocali che potrebbero rappresentare la soluzione più pratica.


Prestazioni e consumi della Fiesta 1.0 EcoBoost

Prima di raccontare le nostre impressioni vediamo un paio di dati sulle prestazioni e sui consumi della Fiesta 1.0 EcoBoost: la Casa dichiara 182 km/h di velocità massima e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 11,2 secondi; la percorrenza media, in base al ciclo di omologazione, è di oltre 22 km/l.

Un bel risultato per un motore di appena 1.000 cc, con soli 3 cilindri, seppur sovralimentato. D’altra parte eroga una potenza massima di 100 CV a 6.000 giri e la coppia di 170 Nm è disponibile a soli 1.400 giri, un regime inferiore a quello della versione turbodiesel TDCi.

Quello che piace è l’ampio range di utilizzo di questo propulsore, elastico ai bassi regimi e allegro a quelli alti, quando si cerca un po’ di sportività. Insomma, anche in città si può limitare l’uso del cambio, vista la propensione a riprendere anche nelle marce alte. Le vibrazioni sono poche, e si sentono soprattutto quando si preme a fondo il pedale del gas sotto ai 1.500 giri.

In termini di consumo, non ci si può proprio lamentare: pur non raggiungendo le percorrenze di alcune concorrenti a gasolio – ad esempio della Clio 1.5 dCi, che però ha ben 25 CV di potenza in meno – la Fiesta è in grado di raggiungere ottimi risultati. Durante la nostra prova su strada, basandoci sul computer di bordo, abbiamo percorso tra i 15 e i 18 km/l, in base allo stile di guida. Difficile trovare di meglio tra le utilitarie a benzina, anche con potenza inferiore.


La Fiesta 1.0 EcoBoost su strada

Quando abbiamo provato la Ford Fiesta ST siamo rimasti estremamente affascinati per quanto fosse coinvolgente alla guida. Ovviamente la Fiesta 1.0 EcoBoost non ha la stessa reattività della versione arrabbiata; ciò nonostante resta una delle piccole del segmento B più divertenti quando ci si mete al volante. Lo sterzo è rapido, comunicativo. Il telaio è reattivo, asseconda gli imput impartiti dal guidatore. E l’assetto è ben calibrato, non molto rigido, non cedevole.

Anche in tema di comfort la Fiesta ne esce bene, per l’ottima insonorizzazione e perché il “millino” frulla poco: anche alle velocità autostradali è possibile ascoltare musica e fare conversazione senza alzare il tono di voce. Malgrado il cambio a 5 marce, alla velocità di 130 km/h il motore supera di poco i 3.000 giri, diversamente da quanto succede normalmente con un’utilitaria con alimentazione a benzina; quindi anche nelle lunghe percorrenze la Fiesta non stanca.


EcoBoost o TDCi? Caratteristiche e prezzi a confronto

Ancora indecisi tra benzina e diesel? Confrontiamo i vari aspetti della Fiesta 1.0 EcoBoost da 100 CV con quelli della Fiesta 1.5 TDCi da 95 CV.

In termini di prezzo, come potete vedere sul listino Ford, partono da rispettivamente 13.500 e 15.000 euro (allestimento d’ingresso per entrambe con carrozzeria a 3 porte). Anche in termini di prestazioni vince la EcoBoost (velocità massima 182 vs 178 km/h e accelerazione da 0 a 100 11,2 vs 12,9 secondi). La Fiesta TDCi ha 15 Nm in più di coppia, ma vengono espressi ad un regime più alto; quindi con la Fiesta EcoBoost ci si può permette di usare di meno il cambio quando ci si trova nel traffico.

Arriviamo al consumo, una delle voci che sta più a cuore a chi acquista un’auto. Ecco, sul consumo vince la diesel, perché, stando alle dichiarazione della Casa, percorre 27 km/l contro i 22 della EcoBoost, a cui si aggiunge il prezzo inferiore del gasolio. Bisogna però tenere conto della percorrenza annuale, perché per recuperare il gap di prezzo tra le due versioni bisogna percorrere molti chilometri. Ai grandi stradisti, quindi, potrebbe convenire la Fiesta 1.5 TDCi, a tutti gli altri la Fiesta 1.0 EcoBoost.


Prezzo e dotazione

Il prezzo della Ford Fiesta 1.0 EcoBoost va dai 13.500 euro ai 15.000 nell’allestimento Titanium. L’equipaggiamento della versione “base” include la chiave programmabile Ford MyKey, che consente di personalizzare i settaggi dell’auto come la velocità massima e il volume dell’autoradio (utile se la si lascia ai propri figli), i vetri elettrici, e il volante rivestito in pelle, regolabile in altezza e profondità. Mancano due accessori indispensabili: il climatizzatore (750 euro) e l’impianto audio (500), che però, attualmente, vengono offerti in promozione a costo zero.

La Titanium, invece, ha una dotazione più ricca che comprende, tra le altre cose, i cerchi in lega. Ma come sempre vale la considerazione di non fermarsi al prezzo di listino: spesso nella rete vendita si possono trovare promozioni in corso e sconti.


Le concorrenti

Segmento agguerrito quello delle utilitarie, soprattutto in Italia, dove si prendono la fetta di mercato più grande. Tra le concorrenti della Ford Fiesta ci sono la Fiat Punto, la Renault Clio, la Peugeot 208, la Toyota Yaris, la Opel Corsa e la Citroen C3.