Chi si reca all’estero per lavoro o per vacanza si trova spesso nella condizione di sapere se per guidare serva o meno un Permesso di Guida Internazionale, anche comunemente denominato Patente Internazionale di Guida.

Premesso che la disciplina in questo ambito non è univoca, proviamo a fare chiarezza su come ottenere la Patente di Guida Internazionale e in quali Paesi sia necessaria.

In fatto di viabilità, come anticipato,  non esiste un accordo unico che valga per tutti gli stati.
I rapporti tra le diverse nazioni sono regolati da accordi bilaterali e convenzioni internazionali che in alcuni casi risalgono agli anni compresi tra le due guerre mondiali.  
Le convenzioni più diffuse sono due: Convenzione di Vienna del 1968 e Convenzione di Ginevra del 1949.

 

Guidare nell’Unione Europea

Per guidare all’interno degli stati membri dell’Unione Europea (inclusa la Gran Bretagna, in attesa di capire che cosa comporterà la Brexit), in Turchia e in Algeria non è necessaria la Patente Internazionale di Guida, è sufficiente la patente di guida italiana.

 

Permesso Internazionale di Guida per gli Stati Uniti

Per guidare negli USA è richiesto un Permesso Internazionale di Guida conosciuto come IDP (International Driving Permit). Negli USA ci tengono a fare distinzione  tra Permesso Internazionale di Guida e Patente Internazionale di Guida  (IDL – International Driving Licence).

Il Permesso Internazionale di Guida non è altro che una traduzione della propria patente di guida in dieci lingue, con l’obiettivo di minimizzare le barriere linguistiche quando si guida in uno stato estero.
L’IDP non sostituisce in alcun modo la patente di guida, la quale deve essere sempre portata al seguito e in corso di validità, e non rappresenta un documento d’identità valido.

Per i visitatori che si recano negli Usa e intendono noleggiare un veicolo, fare car sharing o comunque guidare un’auto, è utile sapere che il Permesso Internazionale di Guida non può essere fornito negli States, per cui bisogna richiederlo in una motorizzazione italiana prima di partire per il viaggio.

Discorso diverso se si trasferisce la residenza negli Stati Uniti, in questo caso le procedure cambiano da Stato a Stato per cui vi rimandiamo per maggior chiarezza e dettagli al sito ufficiale governativo USA.

 

Patente Internazionale di Guida nei Paesi Extra UE

Ogni Paese utilizza propri accordi e normative, per cui prima di recarsi in un Stato al di fuori della comunità europea consigliamo di:

1)      Andare sul sito  della Farnesina viaggiare sicuri

2)      Selezionare il Paese che vogliamo visitare e controllare nella sezione “mobilità” le convenzioni che vengono utilizzate in termini di viabilità

3)      Recarsi in motorizzazione e richiedere un Permesso Internazionale di Guida adeguato al Paese che in cui andremo.

Il Giappone e la Thailandia ad esempio utilizzano la Convenzione di Ginevra, convenzione che limita il permesso internazionale di guida ad 1 anno.

La Russia invece accetta sia la Convenzione di Ginevra che quella di Vienna la quale, rispetto alla precedente, ha una validità fino a 3 anni.

Il Brasile utilizza la convenzione di Vienna mentre in Cina non viene riconosciuta alcuna patente di guida internazionale. Per guidare in Cina è necessario farsi rilasciare una patente di guida temporanea mostrando determinati documenti e partecipando ad una lezione di guida di due ore!

 

Come si ottiene la Patente/Permesso di Guida Internazionale?

Per ottenere un Permesso Internazionale di Guida è necessario recarsi presso un ufficio della motorizzazione e seguire la seguente procedura:

- Compilare la domanda sul modello TT746, disponibile presso gli sportelli della motorizzazione oppure online sul portale dell’automobilista.

- Effettuare un versamento di € 10,20 sul c/c 9001 intestato a “Dipartimento Trasporti Terrestri”- Diritti – Roma (bollettino prestampato in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione)

- Effettuare un versamento di € 16,00 sul c/c 4028 intestato a “Dipartimento Trasporti Terrestri”- Imposta di bollo - Roma (bollettino prestampato è disponibile presso gli uffici postali e gli uffici della motorizzazione)

- Presentare marca da bollo da € 16,00

- Presentare due fototessere recenti, di cui una autenticata dal comune o dalla motorizzazione in cui si sta facendo domanda (se è l’interessato a fare domanda)

- Presentare la patente di guida nazionale in corso di validità con relativa fotocopia fronte-retro. 

Al momento del ritiro del documento occorrerà poi presentare in visione la patente di guida in corso di validità.