Opel Mokka-e, la B-SUV elettrica tedesca

06-Lug-2021  

La Opel Mokka-e è la versione elettrica della Mokka. Si tratta di una B-SUV dalle dimensioni compatte (è lunga 4,15 metri) e con un’autonomia di 324 km misurata nel ciclo WLTP.

COME SI PRESENTA

È da tanto che Opel non realizzava una vettura dalla forte personalità. La Opel Corsa era probabilmente il modello più interessante della gamma, ma la nuova Mokka la supera a mani basse. Questa B-SUV dalle linee futuristiche e con un pizzico di heritage piace, ha carattere, si distingue dalle altre, e potrebbe anche sopportare molto bene il passaggio degli anni.

Gli interni non sono altrettanto impattanti, ma sono comunque riusciti, ben fatti, e piacevoli alla vista. E non sono nemmeno molto diversi da quelli della Mokka a motore termico se non per la strumentazione dedicata. Ci sono due schermi da 12 pollici (strumentazione) e 10 pollici (sistema multimediale) e restano i comodi e intuitivi tasti fisici per regolare la climatizzazione.

COME VA

Il motore elettrico della Opel Mokka-e da 136 Cv e 260 Nm è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 50 kWh. Le prestazioni sono brillanti ma non elettrizzanti: lo scatto è ottimo, ma si è lavorato per rendere l’erogazione più simile a quella di un’auto termica, quindi la guida risulta sempre dolce. Non mancano, in ogni caso, tutti i vantaggi intrinseci di un’auto elettrica, come la spinta senza soluzione di continuità e la bassa quantità di rumore.

Con la leva della trasmissione nella posizione D (Drive) l’auto procede per inerzia quando si rilascia l’acceleratore, come succede su un’auto termica, dunque la rigenerazione della batteria è limitata; spostandola in B (Brake), invece, il “freno motore” è più accentuato, si usa meno il freno tradizionale e si recupera più energia utile alla batteria.

È anche possibile cambiare la modalità di guida tra Eco, Normal e Sport. Nel primo caso potenza e coppia sono limitati a 82 Cv e 180 Nm, nel secondo a 109 Cv e 220 Nm, e nel terzo 136 Cv e 260 Nm.

La ricarica con caricabatterie da 7,4 kW (di serie) richiede un tempo di 7 ore e mezza, mentre con il caricabatterie da 11 kW (optional a 1.000 euro) bastano 5 ore e 15 minuti. È anche possibile collegarsi a una colonnina da 100 kW e recuperare in appena mezz’ora l’80% della carica.

Ma l’autonomia? Come anticipato, la Casa dichiara 324 km, ma nell’uso reale ho percorso circa 250 km. Il percorso più penalizzante è l’autostrada; in città e sulle strade extraurbane, invece, con un pieno di energia si fa più strada, fino ad avvicinarsi all’autonomia dichiarata, ma solo con grande attenzione allo stile di guida e con temperature né troppo calde né troppo fredde.

QUANTO COSTA

Il listino prezzi della Opel Mokka-e parte da 35.200 euro e 40.250 euro, e scende fino a 24.250 euro in caso di rottamazione. Gli incentivi statali sono cospicui, e consentono di abbattere il costo della vettura di ben 11.000 euro, di cui 3.000 sono lo sconto della Casa.

POSSIBILI ALTERNATIVE

Le concorrenti della Mokka-e sono la Hyundai Kona, la Kia Niro, e la Mazda CX-30.

A CHI SI RIVOLGE

A chi cerca una piccola SUV elettrica perfetta per la città ma adatta anche alle brevi gite fuoriporta. Il marchio Opel è generalista, ma al contrario del vecchio modello, la nuova Mokka soddisfa anche in termini di stile e immagine.

PUNTI DI FORZA

  • Piacere di guida
  • Stile, immagine

PUNtI DI DEBOLEZZA

  • Un po’ rigida sulle buche
  • Sezione posteriore dell’abitacolo poco luminosa
Autore: Michele Neri
Alfa Romeo Giulia vs Stelvio