MINI Cooper SE: 184 Cv tutti elettrici

11-Feb-2021  

Di questi tempi è difficile stupirsi del fatto che esista una Mini sportiva elettrica. La piccola Cooper SE d’altronde si presta particolarmente a questa versione a zero emissioni pensata per la città: affonda le sue radici nello sport, ma allo stesso tempo è un’utilitaria agile e chic, perfetta per affrontare la giungla urbana.

La Cooper SE non sostituisce la più tradizionale e sanguigna Cooper S, ma si presenta come un’alternativa per chi vuole abbracciare questo “nuovo mondo”.

LA MINI COOPER SE IN BREVE

Il look della Mini Cooper SE non fa nulla per nascondere la sua natura elettrica, anzi, fa di tutto per mostrarla.

La colorazione grigio chiara con dettagli in giallo evidenziatore è inequivocabile, così come il design dei cerchi asimmetrico e futuristico.

Le dimensioni sono le stesse della variante termica, così come la capienza del bagagliaio di (soli) 211 litri, che compensa però - almeno in parte - con un doppio fondo che aumenta lo spazio in altezza, e la doppia regolazione dei sedili. Cambia l’altezza da terra, superiore di 18 mm per ragioni di sicurezza (per evitare urti alle batterie poste sul fondo); il baricentro, però, è di 3 cm più basso rispetto alla versione termica, sempre per via della posizione dei moduli.

Il motore elettrico sincrono eroga 184 Cv di potenza, quasi gli stessi della Cooper S a benzina, e ben 270 Nm di coppia. Così la Mini SE scatta da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi e tocca i 150 km/h di velocità massima limitati elettronicamente. La batteria da 32,6 kWh è piuttosto compatta, per cui il peso a secco dell’auto si ferma a 1360 kg, il che non è male considerato il peso extra. L’autonomia dichiarata invece è di 270 km, secondo il “vecchio” ciclo NEDC, più che sufficienti per chi si muove solo in città.

I tempi di ricarica vanno dalle 2,5 ore con gli 11 kW (per fare lo 0-80%) in corrente alternata, ai 35 minuti tramite una colonnina a corrente continua.

Gli interni sono i soliti, stilosi e pregiati, che conosciamo bene.

L’unica differenza è rappresentata dalla strumentazione digitale, un pannello ovale “tutto schermo” che sostituisce il contagiri e fornisce informazioni dettagliate sullo stato di carica della batteria e sull’efficienza dello stile di guida.

Non mancano lo schermo touch da 6,5” con traffico in tempo reale, il controllo remoto da app e Apple CarPlay, il navigatore impostato per tenere conto delle colonnine di ricarica e, volendo, il Connected Navigation Plus con schermo da 8,8" e la ricarica wireless per lo smartphone.

TEST DRIVE

La buona notizia è che Mini Cooper SE si guida esattamente come una Mini tradizionale: lo sterzo molto diretto e l’assetto piatto la rendono speciale anche in assenza di rumore.

I 270 Nm di coppia vengono erogati con la stessa velocità del vostro pensiero, illuminando la spia del traction control o facendo slittare le ruote a controlli disattivati.

La SE guadagna velocità con estrema disinvoltura, con una spinta silenziosa e senza interruzioni.
In curva si percepisce qualche kg in più, ma il tanto celebrato kart feeling non viene a mancare, anzi, il posteriore è ancora più sensibile ed è divertente farlo scivolare a ogni rilascio del gas.

Il freno motore o, meglio, la frenata rigenerativa che potete ottenere, cambia a seconda della modalità di guida scelta: impostandola al massimo della sua intensità si riesce a fare a meno del pedale del freno in quasi ogni contesto, almeno in città. Ma in situazioni meno trafficate rende quasi fastidiosa la guida, frenando bruscamente ad ogni rilascio dell’acceleratore.

Anche l’accelerazione cambia a seconda della modalità, modificando non poco anche l’autonomia residua, che fuori dalle strade urbane mostra i suoi limiti. È davvero difficile raggiungere i 200 km di autonomia effettiva, soprattutto in inverno, dove il freddo riduce ancora di più le prestazioni delle batterie abbassando la soglia ulteriormente.

IL PREZZO

La Mini Cooper SE ha un prezzo di listino di 33.900 euro nell’allestimento S, che diventano 41.650 euro nell’allestimento XL.

VERDETTO

La Mini Cooper SE è brillante in città ma non è fatta per chi vuole fare gite fuori porta: il pacco batterie compatto è relativamente leggero, infatti permette alla SE di muoversi agile e spigliata nella giungla urbana, ma allo stesso tempo la limita nei lunghi tragitti. Chi ama le Mini e vuole tuffarsi in questo mondo elettrico troverà un piacere di guida all’altezza delle aspettative e la solita, impeccabile, qualità costruttiva.

Autore: Francesco Neri
Alfa Romeo Giulia vs Stelvio