SUV e crossover per neopatentati, i modelli e i prezzi del 2020

17-Apr-2020  

Anche i neopatentati desiderano una SUV o una crossover. Il look aggressivo e la seduta di guida rialzata sono di grande tendenza sono gli elementi che le hanno rese le auto più apprezzate sul mercato, a prescindere dal segmento.

Vediamo, dunque, quali sono le crossover e le SUV guidabili dai neopatentati sul mercato nel 2020 e le versioni che rispettano le limitazioni di chi ha appena preso la patente di guida: dai modelli a benzina, ideali se si percorrono pochi chilometri, a quelli diesel, ideali per chi fa tanta strada. E non mancano le alimentazioni a GPL e a metano.

INDICE
Dacia Sandero Stepway, la crossover per neopatentati più economica
Dacia Duster 1.5 dCi, SUV per neopatentati economica con motore diesel
Fiat 500X, la bestseller tra le B-SUV
Volkswagen T-Cross nella versione a gasolio
Seat Arona, diesel e metano per neopatentati
Renault Captur, muscolosa crossover francese
Ford Ecosport, piccola SUV in veste off-road
Opel Crossland X, un benzina base da 83 CV
Kia Stonic, la mini-crossover coreana
Panda City Cross e Mahindra KUV100

La Dacia Sandero è l’auto più economica per neopatentati e la versione Stepway, con assetto rialzato e protezioni in plastica per la carrozzeria, è la crossover più economica per neopatentati. La versione che rispetta i limiti imposti ha chi ha preso da poco la patente è quella con il motore a benzina 1.0 Sce da 75 CV, in listino al prezzo di 10.550 euro. Anche la versione diesel 1.5 dCi da 75 CV rientra nei limiti, ma è disponibile solo sulla Sandero Streetway, quella senza caratterizzazione da crossover.

La Dacia Duster è una SUV guidabile dai neopatentati nella versione diesel 1.5 dCi da 95 CV. Tra i modelli di questo elenco è senza dubbio la più spaziosa (appartiene al segmento C, quello delle SUV compatte) e risulta quindi un modello valido come prima auto di famiglia. La potenza limitata a 95 CV viene compensata dalla coppia di 240 Nm a 1.750 giri, dunque le prestazioni sono tranquille ma la vettura non risulta mai “affaticata”, nemmeno nei lunghi tragitti. La velocità massima è di 174 km/h e l’accelerazione 0-100 viene coperta in 12,4 secondi. Il consumo dichiarato è di 24,4 km/l. E il prezzo si ferma a 15.300 euro.

La piccola SUV più amata dagli italiani è disponibile anche in una versione guidabile dai neopatentati: si tratta della versione diesel 1.3 Multijet da 95 CV, non potentissima ma sufficientemente brillante per ricoprire il ruolo di auto di famiglia, grazie ai 200 Nm di coppia massima a 1.500 giri. le prestazioni? 186 km/h di velocità massima e 13,5 secondi per lo 0-100 km/h. Molto bassi i consumi: la Casa dichiara una bella percorrenza di 25 km/h.
Prezzi di 21.500 euro per la Urban e 23.500 euro per la più ricca Lounge.

La Volkswagen T-Cross è la più piccola delle SUV marchiate Volkswagen. La versione per neopatentati è la 1.6 TDI da 95 CV, ovvero la diesel entry level, che grazie alle dimensioni contenute si rivela piuttosto brillante in accelerazione rispetto alle concorrenti di questa lista (11,9 secondi per lo 0-100 e 180 km/h di velocità massima).
In termini di prezzo, non è tra le più economiche: si parte da 22.550 euro per la Urban fino a raggiungere i 26.950 euro per la Advanced con cambio automatico DSG.

La Seat Arona condivide telaio e meccanica con la T-Cross. Una delle versioni che rispettano i limiti imposti a chi ha appena preso la patente è la 1.6 TDI da 95 CV, manuale oppure con cambio automatico DSG. Interessante, poi, la versione a metano spinta dal motore 1.0 3 cilindri turbo da 90 CV, incredibilmente virtuosa in termini di costi di percorrenza.
Prezzi da 20.900 euro per la diesel e da 19.500 euro per quella a metano.

L’ultima generazione di Renault Captur ha linee muscolose e un abitacolo spazioso. Il motore è, come per T-Cross e Arona, un turbodiesel da 95 CV, in questo caso da 1.5 litri. Il consumo è molto basso (25 km/l) e le prestazioni soddisfacenti. Prezzi da 20.850 euro per la Life e 22.150 euro per la Zen. 

Si tratta di una delle SUV per neopatentati più compatte sul mercato, con i suoi 4,10 metri di lunghezza. L’altezza, al contrario, è sopra la media delle sue dirette rivali, dunque la posizione di guida è rialzata. È disponibile con oppure senza ruota di scorta sul portellone posteriore, mentre il suo motore è un 1.5 diesel da 95 CV: i consumi sono bassi (25 km/l) mentre le prestazioni un po’ inferiori a quelle delle concorrenti di questa lista a causa del peso elevato.

La piccola SUV di Opel rientra in questa lista esclusivamente nella versione a benzina d’ingresso da 83 CV. Il piccolo 1.2 3 cilindri aspirato, però, è piuttosto pigro (0-100 in 14,5 secondi) e soffre i viaggi a pieno carico, specie in autostrada. Come auto per brevi spostamenti, però, è adeguata. Prezzo a partire da 18.450 euro.

Se la Hyundai Kona non prevede motorizzazioni adatte ai neopatentati, la Kia Stonic è disponibile nella versione 1.2 4 cilindri a benzina da 84 CV. Le prestazioni sono modeste (165 km/h, 0-100 in 13,2 secondi), e le dimensioni compatte la rendono adatta all’uso urbano. Prezzi a partire da 18.250 euro nell’allestimento Style che offre una buona dotazione di serie.

Non sono delle vere e proprie SUV, ma delle citycar suvvizzate nell’aspetto, dunque con dimensioni cittadine e prezzi interessanti. La nostrana Panda City Cross giusta è la 1.2 da 69 CV, che con i suoi 14.600 euro è anche la più economica del listino. Cosa ancora meno l’indiana Mahindra KUV, in listino a 11.990 euro, che però pecca nello stile e nella qualità degli interni.

Autore: Michele Neri