Kia propone una versione elettrica della Soul, ideale per spostarsi nei centri urbani senza le limitazioni imposte alle automobili ad alimentazione tradizionale senza rinunciare allo spazio, almeno per quanto riguarda l’abitacolo, e, soprattutto, senza rinunciare allo stile. E’ costosa, come tutte le auto elettriche, ma nel prezzo di 36.000 euro sono incluse le batterie e una garanzia di 7 anni fino a 150.000 km. Interessante l’autonomia.


Design iconico con qualche piccola modifica

La Soul è certamente l’auto con più personalità della gamma. Ha uno stile unico che ha incontrato il favore del pubblico in numerosi Paesi del Mondo, Stati Uniti compresi, e proprio per questo motivo è stata scelta come ambasciatrice della tecnologia elettrica del brand coreano. La versione elettrica, denominata ECO-electric, si distingue dalle altre versioni per alcune modifiche che la rendono particolarmente efficiente dal punto di vista aerodinamico. Le differenze riguardano i paraurti e i cerchi in lega, oltre alla mascherina frontale modificata per integrare lo sportello di ricarica. La tinta scelta per questo modello è bicolore, Pure Soul bianca e turchese.


Silenzio, passa la Soul

Tra i principali vantaggi dell’auto elettrica, a parte l’invidiabile libertà di movimento nella maggior parte delle città, ci sono l’assenza di emissioni inquinanti e la silenziosità: si preme il bottone per l’accensione e non si avverte alcun rumore. Poi si parte, con uno spunto molto interessante se si preme con decisione sull’acceleratore, e il silenzio regna sovrano. Una sensazione molto piacevole, e un comfort insuperabile, almeno dal punto di vista uditivo.
La sua anima verde non si manifesta solamente con l’assenza di inquinamento ambientale ed acustico, ma anche con l’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale come la cellulosa e la canna da zucchero.


Oltre 210 km di autonomia

Un risultato importante ottenuto in anni di ricerche, che porta la Kia Soul ECO-electric sul primo gradino del podio del suo segmento per quanto riguarda l’autonomia. La quale, ovviamente, varia in base al traffico, al tipo di guida e alla temperatura esterna. Il segreto sta nell’alta densità di energia delle batterie, pari a 200 Wh/kg. Nonostante questo la Soul elettrica non è certo l’auto adatta a percorrere il classico tragitto Milano-Roma, ma consente di spostarsi in città e nei centri periferici senza il timore di non riuscire a tornare alla base, almeno se si è avuta l’accortezza di attaccare la vettura alla presa elettrica una volta parcheggiata in garage.


Nessuna rinuncia alle prestazioni

Il motore elettrico della Soul ECO-electric eroga 110 CV e 285 Nm di coppia, ed è alimentato da un pacco batterie a polimeri da 27 kWh collocato nel pianale. La vettura accelera senza soluzione di continuità, a differenza di quanto avviene con un’auto con motore endotermico, consentendo di scattare da 0-100 km/h in 11,2 secondi: lo stesso tempo impiegato dalla Soul 1.6 CRDi, la versione turbodiesel da 128 CV. La velocità massima, invece, è limitata elettronicamente a 145 km/h al fine di evitare di scaricare le batterie troppo velocemente.


Costi di gestione irrisori, ma il prezzo…

Inutile giraci intorno, l’auto elettrica, in Italia, non  conviene. Almeno non dal punto di vista economico, perché oltre al prezzo elevato pesano l’assenza di incentivi statali e la carenza di colonnine per la ricarica rapida. Nei 36.000 euro, però, Kia offre una Soul equipaggiata di tutto punto, batterie incluse. Tra l’altro l’insuperabile garanzia offerta dalla Casa – 7 anni o 150.000 km – è estesa al pacco batterie: se la capacità dovesse scendere sotto l’80% ne è prevista la sostituzione.
Molto bassi, invece, i costi di gestione: una ricarica completa costa circa 2 euro, mentre per quanto riguarda la manutenzione programmata la cifra dovrebbe aggirarsi intorno ai 600 euro per i primi 5/6 anni. Davvero pochissimo, quindi, in rapporto alle auto ad alimentazione tradizionale.