L’anno nuovo si avvicina e la Golf GTI Clubsport è pronta per il lancio sul mercato. L’abbiamo già vista allo scorso Salone di Francoforte, la Clubsport è la versione più potente e e veloce della mitica GTI. Questa versione speciale infatti celebra i 40 anni del marchio GTI che ha sempre contraddistinto le Golf migliori di sempre.

Golf GTI Clubsport, motore e prestazioni

Il motore 2.0 TSI della versione GTI Clubsport eroga 265 Cv di potenza e, grazie alla funzione boost, il guidatore può aumentare la potenza per brevi periodi - circa una decina di secondi - fino a 290 Cv, mentre la coppia subisce un aumento di 30 Nm, arrivando a quota 380. Questa funzione si attiva tramite il kikckdown dell’acceleratore (un “click” extra che si trova a fondo corsa del pedale.
La Volkswagen Golf GTI Clubsport in questo modo scatta da 0 a 100 km/h in 6 secondi che diventano 5,9 con il cambio DSG a doppia frizione, mentre la velocità massima è di 250 km/h. La Casa dichiara che con il cambio manuale l’auto ha un consumo di 6,9 l/100 km (a fronte di emissioni di CO2 pari a 160 g/km) mentre con il DSG i consumi si attestano su 6,7 l/100 km (155 g/km CO2).

Design e telaio

Sono stati migliorati anche telaio e deportanza della vettura a fine di incrementare la tenuta di strada. La  Golf GTI Clubsport, inoltre, vanta la verniciatura Oryx White i contrasto con il tetto nero ( e specchietti retrovisori in nero lucido), mentre nuovi sono i listelli sottoporta, i paraurti e i cerchi il lega leggera da 18 pollici.
La GTI Clubsport si riconosce a colpo d’occhio: L’auto vanta due doppi terminali di scarico cromati di nuovo design con un diametro generoso, mentre i gruppi ottici posteriori a LED sono stati confermati in rosso brunito.
Anche gli interni sono stati resi più speciali, caratterizzati da sedili Racing rivestiti in parte in Alcantara e, in corrispondenza di schienali e sedute, ricoperti da un motivo a nido d’ape. L’Alcantara la troviamo anche sulla leva del cambio e sul volante sportivo con emblema GTI.