Gli pneumatici run flat sono gomme innovative perché permettono di percorrere pneumatici run flatin caso di foratura distanze sufficienti per raggiungere un centro di assistenza, fino ad un massimo di 150 km che diventeranno 80 km per le norme di omologazione del 2011.
La velocità massima che si può mantenere col pneumatico forato non deve essere superiore agli 80 km/h.  Il nome stesso run flat significa “correre piatto”, cioè poter rotolare anche se la pressione dell’aria è a 0 e la Bmw è stata la prima casa alla fine degli anni ‘90 a fornire pneumatici run flat come optional sulle sue autovetture.

Gli pneumatici run flat vengono spesso definiti pneumatici antiforatura, ma non è propriamente così dato che possono essere perforati da un corpo estraneo esattamente come gli altri pneumatici.
La differenza che hanno rispetto alle altre gomme è quella di avere i fianchi rinforzati che sostengono il pneumatico anche in assenza di aria al suo interno. Il vantaggio enorme è quello di non doversi più fermare per la sostituzione in caso di foratura, azione che può costituire un disagio se non addirittura un pericolo quando la foratura avviene in mezzo al traffico, di sera oppure in una strada a scorrimento veloce, e soprattutto evitare lo sgonfiaggio improvviso delle gomme forate che potrebbe causare la perdita di stabilità dell’auto.

Il difetto che hanno sempre avuto gli pneumatici run flat è quello di peggiorare il comfort a causa della struttura rigida, che oltre ad assorbire meno le asperità della strada, causa un rumore di rotolamento superiore a normali pneumatici. Oltretutto per poter essere montati era necessario adottare degli appositi cerchioni, con la conseguenza che venivano utilizzati solo sulle autovetture Bmw. Ma la seconda generazione di pneumatici run flat ha eliminato in parte questi difetti, lavorando per migliorare in comfort e ridurre la resistenza al rotolamento, riducendo di conseguenza anche i consumi di carburante dell’auto. Inoltre sarà possibile montare pneumatici run flat anche su cerchioni normali, offrendo la possibilità di poter essere utilizzati su qualunque auto a meno che non sia espressamente escluso dal costruttore dell’auto per motivi tecnici e con la condizione che l’auto sia dotata di un segnalatore di perdita di pressione. Quest’ultima condizione è prevista proprio perché l’efficacia del run flat è così elevata che ci si potrebbe non accorgere della foratura della gomma.

Gli pneumatici run flat quindi potrebbero conoscere a breve una diffusione capillare, anche perché sono disponibili oltre agli estivi anche i run flat invernali, quelli allseason (per tutte le stagioni) e quelli per suv, ma non ci sono ancora misure adatte alle utilitarie.
Attualmente la misura più piccola sul mercato è 195/55/16 per un prezzo che può andare da circa 130 a 250 euro per singolo pneumatico a seconda della marca, ma per misure superiori si possono raggiungere tranquillamente i 300 euro cadauno.