Sabato 15 novembre 2014 scatta l’obbligo ministeriale di montare gli pneumatici invernali, che possono essere successivamente sostituiti con i normali pneumatici estivi a partire dal 15 aprile 2015. Il periodo nel quale vige l'obbligo degli pneumatici invernali o, in alternativa, di tenere a bordo le catene, è stato decretato dalla Direttiva ministeriale del 16 gennaio 2013. Alcuni enti proprietari o gestori delle strade hanno la possibilità di modificare l’obbligo ad un periodo differente.


Cosa si intende per pneumatici invernali

Gli pneumatici invernali a norma devono avere sulla spalla la dicitura M+S (talvolta si trova anche MS, M/S, M&S,  M-S) che sarebbe l’acronimo di mud and snow, in italiano fango e neve. Sono pneumatici con caratteristiche adatte ad essere utilizzati su fondi a bassa aderenza, e vengono chiamati anche all-season perché, pur non dando il massimo sull’asfalto asciutto alle temperature primaverili ed estive, possono andare bene tutto l’anno. Proprio per questo motivo alcune vetture sono equipaggiate di fabbrica con pneumatici M+S.


Una garanzia in più se c’è il fiocco di neve

Per avere la migliore aderenza possibile sulla neve però conviene orientarsi su pneumatici M+S che abbiano il simbolo Three Peak Mountain Snow Flake, ovvero del fiocco di neve e una montagna a tre cime. Non è un obbligo di legge, sia chiaro, ma hanno superato specifici test invernali e sono quelli che possono garantire una migliore aderenza sulla neve.


Il codice di velocità per gli pneumatici invernali

Sulla carta di circolazione di ogni auto vengono indicate le misure degli pneumatici che possono essere utilizzate e il codice di velocità degli stessi, che generalmente può essere superiore ma mai inferiore. Generalmente abbiamo detto, perché è proprio nel caso degli pneumatici invernali che si può fare un’eccezione: è possibile montare pneumatici invernali con codice di velocità inferiore di una lettera a quello riportato su libretto, ma non inferiore all’indice Q (160 km/h). In tal caso occorre però rimuoverli non oltre il 15 maggio, ovvero un mese dopo il termine dell'obbligo, onde evitare una sanzione amministrativa.


Non solo su ghiaccio e neve

I moderni pneumatici da neve garantiscono prestazioni migliori non solo su ghiaccio e neve, ma anche su asfalto quando la temperatura è al di sotto dei 7 gradi, offrendo una migliore aderenza e quindi una migliore sicurezza su strada. Naturalmente vale anche per chi non lascia mai la città, perché basta una nevicata per ridurre la mobilità. Nessun compromesso neppure in termini di consumo di carburante e rumorosità, perché i moderni pneumatici invernali sono sostanzialmente uguali a quelli estivi, anche se, ovviamente, le caratteristiche variano in base alla marca e al modello.