In Renault sostengono di essersi ispirati alla prima Twingo e alla R5, due piccole grandi vetture che hanno fatto la storia del Marchio. La nuova Renault Twingo, che condivide la piattaforma con la futura Smart a quattro posti, nasce con l’obiettivo di ripetere il successo delle antenate e stupisce per la scelta di spostare dietro motore e trazione.


Abitabilità da segmento superiore

Una soluzione unica nella sua categoria, che permette di ottenere più spazio all’interno dell’abitacolo e anche una maggiore maneggevolezza nelle manovre grazie ad un raggio di sterzata ridotto. Gli sbalzi sono molto ridotti e il suo muso è decisamente corto, un po’ come la sua antenata che ha debuttato nel 1992 al Salone di Parigi, tanto che secondo le dichiarazioni della Casa, la nuova Twingo ha un’abitabilità da segmento superiore.


Quattro tinte fun

Forse con il secondo modello, la Twingo ha perso quella personalità che ha fortemente contraddistinto la prima versione. La nuova Twingo invece di personalità ne ha tanta, a partire dalle quattro tinte disponibili per la carrozzeria: Blu Shopping, Bianco Dream, Rosso Passione e Giallo Race; tutte personalizzabili con decorazioni, stripping e protezioni laterali.