La Peugeot 2008 è una crossover del segmento B, ha dimensioni compatte, un motore diesel brillante e consumi molto bassi. Con il restyling del 2016 ha un aspetto più da SUV, ma non è progettata per l’off-road: l’altezza da terra è limitata e non è disponibile la trazione 4x4.

Il comportamento su strada, in compenso, è lodevole. E con il sistema Grip Control, optional sulla Peugeot 2008 1.6 BlueHDi 120 GT Line oggetto della nostra prova, la trazione sui fondi a bassa aderenza migliora.


COME SI PRESENTA

La Peugeot 2008 è la crossover francese che si basa sulla 208, rispetto alla quale ha dimensioni sensibilmente superiori in lunghezza: 4,16 metri VS 3,97 della “sorellina”. Non è molto alta (1,55 metri), quindi non è adatta ai percorsi in fuoristrada né regala una posizione di guida dominante: semplicemente si sta seduti qualche centimetro più in alto rispetto a una berlina, ma più in basso che su altre crossover dello stesso segmento.

Nell’allestimento GT Line, la Peugeot 2008 1.6 BlueHDi 120 si contraddistingue per i dettagli sportivi (esterni e interni) e per le finiture specifiche: all’esterno, ad esempio, le cornici in nero lucido, i numerosi elementi dell’esterno, le scritte in colore rosso, e i cerchi in lega da 17 pollici bicolore nero e argento.  

L’abitacolo si distingue per l’i-Cockpit con il volante piccolo e la strumentazione in posizione rialzata. All’interno il battitacco in acciaio, la pedaliera in alluminio, la strumentazione con retroilluminazione a LED di colore rosso, le impunture dei sedili, il volante rivestito in pelle pieno fiore. Dettagli che fanno la differenza. 


COME VA

La versione 1.6 BlueHDi 120 è la più potente della gamma diesel. Con 120 Cv e 300 Nm, raggiunge i 190 km/h di velocità massima e accelera da 0 a 100 in 9,6 secondi. Ha un motore molto regolare nell’erogazione, silenzioso e con poche vibrazioni. È elastico ai bassi regimi, sempre pronto, con un allungo discreto fino ai 4.000 giri. E soprattutto vanta consumi da utilitaria a gasolio: dall’inizio alla fine della nostra prova, tra città, percorsi extraurbani e autostrada, abbiamo percorso 20 km/l.

La trazione è anteriore, ma grazie al Grip Control si ha una buona aderenza sui fondi viscidi come neve e fango. Si tratta di  un differenziale a slittamento limitato controllato elettricamente che può essere impostato in cinque modalità: Standard, Sabbia, Neve, Fango e ESP Off. Le situazioni di bassa aderenza, dunque, non sono un problema, anche in vista della presenza di serie di pneumatici marchiati M+S

Ma è su strada che la 2008 stupisce. L’inserimento in curva e la tenuta di strada sono da fare invidia a molte concorrenti. La leggerezza della 2008, la sua agilità, l’altezza da terra contenuta (sempre in ambito crossover) le donano un’innata propensione ad aggredire la strada. Tutto questo nonostante le coperture M+S non siano il massimo per la guida con il coltello tra i denti.


QUANTO COSTA

La Peugeot 2008 1.6 BlueHDi 120 GT Line è in listino al prezzo di 23.810. È l’allestimento più ricco e con le finiture migliori. La dotazione include molto - dal climatizzatore bi-zona al cruise control - ma non tutto: a nostro avviso andrebbe integrata con il navigatore GPS e con il sistema di frenata automatica anticollisione attiva fino a 30 km/h (Active City Brake), offerti rispettivamente al prezzo di 540 e 250 euro.

Volendo scendere di prezzo, la Peugeot 2008 1.6 BlueHDi da 75 CV parte da 17.510 nell’allestimento Access (la dotazione è scarna), quella da 100 CV da 20.110 euro nell’allestimento Active.


POSSIBILI ALTERNATIVE

Sono molte le alternative alla Peugeot 2008. Alcune più inclini ai terreni accidentati (è il caso della Jeep Renegade, della 500X Cross e della Suzuki Vitara), altre più stradali (Renault Captur, Citroen C4 cactus, Audi Q2). E poi ci sono quelle che stanno nel mezzo, come la Nissan Juke e la Ssangyong Tivoli.
 

A CHI SI RIVOLGE

A chi cerca un’auto compatta ma comunque adatta alle esigenze di una piccola famiglia. La 2008 ha un abitacolo comodo e accogliente se ci si sposta al massimo in quattro, e un’estetica riuscita, messa in risalto nell’allestimento GT Line.

La 208 1.6 BlueHDi 120 è molto piacevole su strada: nonostante sia una crossover c’è spazio per il piacere di guida. Tra le curve stupisce per agilità e precisione. Il motore ha la potenza giusta per tutte le occasioni e i consumi sono molto bassi.
 

PUNTI DI FORZA

- Alle doti del telaio si unisce un motore brillante
- Consuma davvero poco: si fanno 20 km/l senza troppa attenzione allo stile di guida


PUNTI DI DEBOLEZZA

- Cambio e frizioni sono un po’ “gommosi”
- Le gomme M+S non danno il massimo sull’asfalto