300 Miglia a bordo di una Smart Fortwo Cabrio: la bellezza di 480 chilometri; tra autostrada, campagna e la salita sull’affascinante Etna, la cui punta supera i 3.000 metri d’altezza. Uno splendido scenario per mettere alla prova la cabriolet più piccola del mondo, nonché la più venduta in Italia. Ripercorrendo le strade della mitica Targa Florio, la gara più antica al mondo.
 

SULLA SCIA DELLA TARGA FLORIO

Ricco imprenditore nel settore delle navi e dei vini, il palermitano Vincenzo Florio istituì la Targa Florio nel 1905, ben più di 100 anni fa. Una lunga, spettacolare (e pericolosa) gara di velocità su strade normali dove i gentlemen driver si esibivano con auto lussuose e potenti. Questo fino al 1977: da allora la Targa Florio è diventata una gara di regolarità.

L’obiettivo: arrivare puntuale alle tappe prestabilite, non dopo (penalità) e non prima (doppia penalità) con in mano un roadbook. Con le stesse regole della scorsa 300Miglia di Smart da Roma a Bologna, ovvero: uno guida, l’altro fa il navigatore. Ma questa volta ripercorrendo le strade della Targa Florio.

Si parte da Palermo. In questo caso l’agilità incredibile della Smart Fortwo Cabrio consente di districarsi dal traffico nemmeno fossimo seduti su uno scooter, in più con la sicurezza garantita dalla cellula indeformabile Tridion. La Fortwo 0.9 Turbo da 90 CV è scattante, e il cambio automatico a doppia frizione Twinamic si rivela un alleato irrinunciabile per godersi gli spostamenti in città senza stress. 

I chilometri passano veloci, con il vento tra i capelli e il sole tiepido di maggio che entra nell’abitacolo. Il punto più spettacolare si rivela la strada che ci porta sulla parte più alta dell’Etna. Le ripide salite non spaventano la Smart, che con i suoi 90 CV ha una grinta notevole e tiene andature di tutto rispetto.
 

LA SMART FORTWO CABRIO

La protagonista della Audax 300Miglia è la Smart Fortwo Cabrio 0.9 Turbo Twinamic da 90 CV con cambio automatico a doppia frizione nell'edizione speciale Urban Runner customizzata Brabus tailor made, il massimo quando si tratta di rendere unica la propria “smartina”. 

Sbarazzina, colorata, spavalda e anche un po’ snob. La Fortwo Cabrio è una bomboniera, e scorrazzare in giro per la soleggiata Sicilia con la capote aperta regala grandi soddisfazioni. Non si tratta della solita citycar razionale e funzionale, qui lo stile è in primo piano.

Lunga 2,69 metri, è agile come un carrello della spesa, con quel raggio di sterzata ineguagliabile che consente di fare un’inversione a U in soli 6,95 metri. Offre una posizione di guida alta, un abitacolo spazioso e colorato. Insomma, in città non ha eguali. In autostrada, invece, è rumorosa, in particolare a causa dei fruscii provenienti dal tetto in tela. Le sospensioni non sono morbide, ma comunque assorbono le (numerose) asperità delle strade siciliane in modo decisamente migliore della Smart di generazione precedente.
 

I PREZZI DELLA SMART CABRIO

Piccola, ma equipaggiata come una Mercedes. A cominciare dai sistemi di sicurezza, che comprendono cinque airbag, il Crosswind Assist (sistema che mantiene stabile la vettura anche in caso di forte vento laterale), l’Hill Start per le partenze in salita, e il Forward Collision Warning (avvisa il guidatore con un segnale ottico e acustico quando la distanza tra la vettura e il veicolo che la precede si riduce bruscamente in modo pericoloso).

I prezzi della Smart Fortwo Cabrio partono da 17.710 euro per la 70 CV con cambio automatico Twinamic e da 18.880 per la Turbo da 90 CV Twinamic. La versione Brabus tailor made è un vero e proprio abito sartoriale cucito su misura con prezzi che possono raggiungere anche i 30.000 euro.