La Volkswagen Golf è da sempre un punto di riferimento per il segmento delle berline compatte. La Golf 7 è costruita su una nuova piattaforma modulare e offre maggiore spazio per i passeggeri a fronte di un peso inferiore, mentre a livello estetico non è stata stravolta rispetto alla Golf di precedente generazione.

VOLKSWAGEN GOLF 7 RESTYLING 2017, LE NOVITÀ IN BREVE

L’ultimo restyling della Volkswagen Golf 7, risalente all’inizio del 2017, ne ha aggiornato l’estetica e ha apportato una serie di migliorie. Il sistema multimediale della Volkswagen Golf 2017 si interfaccia con uno schermo touch da 9,2 pollici, e fa la sua comparsa il cruscotto TFT da 12,3 pollici.

Tra le nuove tecnologie della nuova Volkswagen Golf 7 c’è anche rivolte alla sicurezza arriva il sistema di assistenza alla guida in colonna, disponibile sui modelli con cambio automatico DSG fino alla velocità di 60 km/h. Il sistema di frenata automatica, comparso prima del restyling, è ora in grado di riconoscere anche i pedoni.

La dotazione di serie della Golf Trendline, ovvero quella con il prezzo d’ingresso, prevede il sistema di frenata anticollisione multipla, il differenziale elettronico XDS, il climatizzatore manuale e un sistema multimediale con Apple CarPlay e Bluetooth.

LE VERSIONI A BENZINA

La gamma a benzina parte con la Golf 1.0 TSI disponibile in due varianti, 85 e 110 CV. La versione a 3 cilindri con solo 1 litro di cilindrata è quella giusta per chi percorre brevi distanze, ed è sufficientemente brillante grazie al turbo ed economia sia nel prezzo di listino sia per i costi di gestione. C’è anche con il cambio automatico a doppia frizione DSG, ma solo nella versione da 110 CV.

Due le versioni a benzina con motore a 4 cilindri: la Golf 1.4 TSI da 125 CV e la Golf 1.5 TSI da 150 CV, entrambe disponibili sia con cambio manuale sia automatico DSG.

LE VERSIONI DIESEL

Ampia la gamma turbodiesel della Volkswagen Golf 7. I motori sono due, 1.6 TDI in tre potenze (90, 110 e 155 CV) e 2.0 TDI da 150 e 184 CV. Tutte, ad eccezione della 1.6 da 90 CV, sono disponibili anche con il cambio DSG.

GOLF TGI, LA VERSIONE A METANO

Ecco un’alternativa alle versioni diesel per abbattere i costi di percorrenza: la Golf 1.4 TGI, versione bi-fuel benzina e metano spinta dal motore 1.4 turbo da 110 CV. Il prezzo di listino della Volkswagen Golf a metano è più basso della versione diesel di pari potenza, e il costo per chilometro è inferiore. Interessante se si può contare su un distributore di metano lungo i propri tragitti quotidiani.

GOLF GTE, LA VERSIONE IBRIDA

La GTE, invece, è la Golf ibrida plug-in spinta da un 2.0 TSI e da un motore elettrico, per una potenza complessiva di 204 CV. L’autonomia a emissioni zero è di 50 km.

GOLF GTI, GTD ED R: LE VERSIONI SPORTIVE

La Volkswagen Golf GTI è un cult dal 1975. Modanature rosse, sedili tartan e appendici aerodinamiche la contraddistinguono dalle altre versioni. Potenze da 230 a 265 CV (per la GTI Clubsport). La Golf GTD è l’analoga versione sportiva ma con motore diesel. Ha 184 CV di potenza e 380 Nm di coppia. Ancora più sportiva la Volkswagen Golf R 4Motion DSG da 310 CV.