La patente A2 per la moto è conseguibile dopo aver compiuto i 18 anni di età e consente di guidare moto con potenza massima di 35 kW che non superino il rapporto potenza/peso di 0,2 kW/kg. La patente A2, quindi, non pone alcun limite sulla cilindrata delle moto e alcune Case propongono modelli di alta cilindrata depotenziati per poter essere guidati dai possessori di patente A2.


Patente A2, i limiti                         

Con la patente A2, a partire dal 19 gennaio 2013, è possibile guidare moto con potenza fino a 35 kW di potenza, che corrispondono a poco più di 47 CV. Una potenza superiore rispetto a quanto non fosse concesso dalla norma precedente, che poneva il limite a 25 kW.

Oltre al rapporto potenza/peso c’è un altro limite previsto dalla normativa: la moto depotenziata, per essere guidabile dai motociclisti in possesso della patente A2, non può avere una potenza d’origine superiore ai 70 kW, ovvero 95 CV.

Per conseguire la patente A2 è necessario sostenere l’esame con una moto di cilindrata non inferiore ai 400 cc e che rispetti i limiti suddetti (potenza compresa tra i 25 e i 35 kW e un rapporto potenza/peso non superiore ai 0.2 kW/kg).

Per non avere limitazioni occorre utilizzare una moto con cambio manuale: se l’esame per la patente A2 viene sostenuto con una moto con cambio automatico sarà applicata una limitazione che non consente l’uso di moto con cambio manuale.


Patente A2, le moto che si possono guidare

Con la patente A2 si possono guidare tutte le moto con potenza compresa tra i 25 e i 35 kW con rapporto potenza peso non superiore ai 0,2 kW/kg. Ma quali sono i modelli in listino con queste caratteristiche?

Spulciando tra il listino troviamo tantissimi scooter guidabili con la patente A2, e anche una gran quantità di moto. Tra quelle appartenenti all’ultima categoria, Aprilia ha in gamma la Shiver, l’automatica Mana 850 e la Dorsoduro 750, supermotard sviluppata in collaborazione con il Reparto Corse Aprilia disponibile anche nella versione depotenziata guidabile con la patente A2.

BMW, per gli amanti delle naked dell’elica bianco blu, offre la gamma delle F depotenziata, mentre per chi preferisce una moto da enduro può puntare sulla G 650 GS oppure, passando al marchio Suzuki, sulla Suzuki V-Strom 650. Tra le naked c’è anche la Triumph Speed Triple con motore 3 cilindri da 675 cc.

Passando alle custom americane per eccellenza, ovvero quelle marchiate Harley Davidson, i modelli guidabili con patente A2 sono molto numerosi (tutta la gamma 883), mentre l’italiana Moto Guzzi propone una versione da 48 CV della V7, un cult dall’aspetto vintage tornato di gran moda. Sempre per gli amanti delle moto dall’immagine cool in possesso di patente A2, sono da valutare le Triumph Thruxton, Bonneville e Scrambler.

Spostandoci in oriente troviamo tantissime moto che si possono guidare con la patente A2, tra cui la Honda CB 500, la sportiva Honda CBR e le leggere Suzuki Inazuma 250 e Yamaha YBR 250. Per gli amanti delle moto sportive c’è anche litaliana MV Agusta Brutale 675, naked ad alte prestazioni disponibile anche nella versione depotenziata guidabile con la patente A2.