Seat guarda al futuro della mobilità urbana, cercando di rendere la guida per gli automobilisti più rilassante, economica e sicura. La perdita di tempo derivata dalla ricerca dei parcheggi nelle grosse città e consistente. Basta pensare che il 30% degli automobilisti alla guida nelle città europee cerca parcheggio, impiegando una media di 20 minuti per trovarlo. Media che è destinata a salire calcolando che, secondo una stima dell’ONU, nel 2050 il 66% della popolazione mondiale vivrà nei centri urbani.

 “Nell’imminente futuro dobbiamo essere in grado di raggiungere una mobilità urbana molto più efficiente. E stiamo lavorando in questa direzione: per garantire un’esperienza di guida più rilassante, sicura e, non da ultimo, più economica”, questo è quanto dichiarato da Jordi Caus, Responsabile Nuovi Progetti per la Mobilità Alternativa della SEAT.

Con “ParkFinder”, l’applicazione sviluppata da Seat, il parcheggio non sarà più un problema così ostico, grazie anche ad un accordo con il Comune di Barcellona. L’app è in grado di indirizzare gli automobilisti verso i parcheggi liberi lungo le strade. Per ottenere l’informazione dei parcheggi disponibili basta inserire nei dati la zona in cui si desidera andare e, una volta arrivati sul posto, chiedere all’applicazione di trovare parcheggio.

L’obbiettivo del progetto di Seat va ben oltre la ricerca dei parcheggi liberi, ma cercherà di risolvere i problemi della mobilità urbana aggiungendo numerose nuove funzionalità, in modo da gestire in modo intelligente la circolazione dell’auto.