Dopo poco più di un anno dal debutto la piccola Renault Twingo si prepara per le corse. Dopo il successo della versione R2, Renault Italia ha deciso di progettare anche la versione R1 della Renault Twingo. La sfida è ostica, soprattutto per via della configurazione dell’auto che prevede motore e trazione posteriori, ma Renault non ha agito da sola. il supporto è arrivato infatti da Sport Team Equipment (promoter dei Trofei Renault Rally) e dal al Team Gima Autosport, che hanno collaborato allo sviluppo e alla messa a punto dell’auto.

La Renault Twingo, è conforme al regolamento R1, che prevede motori aspirati fino a 1.400 cc e turbo fino a 927 cc. Il motore di partenza è il 900 TCe da 90 CV, ma la potenza è stata portata a 110 CV. Non sono certo molti, soprattutto per una macchina da gara, ma la potenza potrebbe crescere nei vari step evolutivi. Renault punta sull’affidabilità e sulla sicurezza, oltre che a contenere i costi di gestione, e dopo 1.000 km di test il riscontro sembra positivo.

Federico Gasperetti e Federico Ferrari, che con la Twingo R2 ottennero il primo successo assoluto a livello mondiale al 32° Rally degli Abeti 2014, affronteranno quindi la prima gara della Renault R1 a Sanremo. Il Trofeo Twingo R1 in tutto comprenderà quattro gare del Campionato Italiano Rally: Rally Targa Florio, Rally del Friuli Venezia Giulia, Rally Roma Capitale e Rally Due Valli.


PRONTA PER CORRERE

La Renault Twingo R1 verrà consegnata già assemblata completa della scocca, della preparazione da gara e della verniciatura interna. Il costo del kit R1 (al netto del costo della vettura stradale) è di 26.000€ iva esclusa.