Sono passati 20 anni da quando Renault ha presentato la prima piccola monovolume del segmento A. Il progetto, sviluppato da Yves Dubreil, aveva l’obiettivo di realizzare una piccola vettura compatta, economica e confortevole che non andasse a infastidire la Clio. Nacque così una vettura innovativa, minimalista e dal prezzo ragionevole, che grazie al suo design particolare riusciva ad assicurare alti livelli di abitabilità in soli 3,4 metri di lunghezza. Ad oggi ne sono state vendute 2,5 milioni di unità e la storia continua: la terza generazione della Twingo sarà svelata nel 2014.


Una Renault Espace in piccolo

Gli sbalzi ridotti e il cofano anteriore particolarmente piccolo hanno consentito un’ottimizzazione del volume interno, facendo della Twingo la leader del suo segmento in termini di altezza, larghezza e raggio alle ginocchia. Inoltre la versatilità dell’abitacolo era al top grazie a soluzioni innovative quali la panca posteriore scorrevole e i sedili anteriori completamente reclinabili, che trasformavano la Twingo in un vero e proprio letto a due piazze. Ma la Twingo era innovativa anche nel design, con quelle forme arrotondate, i fari anteriori a “occhi da ranocchia” e gli interni semplici e colorati, con il pulsante delle quattro frecce che ricorda il naso di un clown. Uno stile che ben interpretava le più moderne direttive del design, orientate alla semplicità, alla linearità delle forme e all’innovazione.


La terza generazione nel 2014

Nel 2007 la prima serie della Twingo viene rimpiazzata dalla seconda generazione. Parte della sua forte personalità è andata perduta, ma il progetto continua con successo mantenendo i punti di forza del primo modello e adattandosi al contesto nel quale si trova: l’era dei social network, della democratizzazione del design e della moda. Le informazioni riguardo alla terza generazione della Twingo, per il momento, restano all’interno dell’azienda: di lei non si sa nulla, a parte di una certa somiglianza con due avveniristiche concept car che Renault ha presentato nel corso del 2013: la Twin’Z e la Twin Run.