Dopo aver lanciato la grintosa 308 GT da 200 CV, disponibile anche nella versione diesel da 180 CV, la Casa del Leone presenta la 308 GTi by Peugeot Sport, versione arrabbiata spinta dal noto 1.6 THP (vedi 208 GTi e RCZ R) declinato in due varianti da 250 e 270 CV di potenza.


Motore e prestazioni

Un motore, quello della Peugeot 308 GTi by Peugeot Sport, che risponde alla normativa Euro 6, in grado di consumare solo 6 l/100 km (dato ottenuto nel ciclo di omologazione) con emissioni di CO2 pari a 139 g/km. Efficiente quindi, ma potenze e prestazionale come pochi altri nel segmento: la 308 GTi 250 scatta da 0 a 100 km/h in 6,2 secondi e copre i 1000 metri da fermo in 25,6 secondi, la 308 GTi 270 impiega rispettivamente 6 e 25,3 secondi. Numeri da record, ottenuti grazie ad un rapporto peso/potenza tra i migliori della categoria, di rispettivamente 4,82 kg/CV e 4,46 kg/CV.


Focus sulle performance

Per scaricare la potenza sulle ruote anteriori, la 308 GTi 270 è dotata di un differenziale a slittamento limitato Torsen. Ma il lavoro dei tecnici del reparto Peugeot Sport non è finito qui: la campanatura della ruota passa da -0,6° a -1,67°, è stata completamente rivista la taratura degli ammortizzatori anteriori ed è stata ammorbidita la barra antirollio. L’assetto è più basso di 11 mm e di serie vengono montati cerchi in lega da 19’’ che calzano pneumatici Michelin Super Sport.
La 308 GTi 270 ha freni a dischi anteriori di 380 mm, con pinze verniciate di rosso e firmate PEUGEOT SPORT, e dischi posteriori di 268 mm. Gli interni si distinguono per l’i-cockpit con volante dal diametro ridotto (351 x 329 mm), mentre la strumentazione consente di avere sotto controllo una serie di dati quali la potenza, la coppia, la pressione di sovralimentazione e l’accelerazione laterale e longitudinale.