La Volkswagen Scirocco compie 40 anni: tanti ne sono passati dal debutto del primo modello al Salone di Ginevra del 1974. Per l’occasione, Volkswagen presenta la nuova Scirocco restyling 2014 alla kermesse ginevrina che va in scena dal 6 al 16 marzo; l’arrivo sul mercato italiano è invece previsto in autunno.


Le modifiche all’esterno

Le modifiche sono lievi e concentrati anteriormente: nuovo design della mascherina, nuovi gruppi ottici con fari bixeno e luci diurne a LED opzionali. La sezione posteriore ha subito piccole modifiche al portellone, dove il logo del Marchio diventa la maniglia di apertura, e sono stati introdotti dei gruppi ottici a LED di nuova concezione.


Le novità all’interno

Gli interni sono equipaggiati di serie con sedili contenitivi con poggiatesta integrati e volante in pelle, ma la novità più succulenta è senz’altro l’arricchimento della strumentazione con strumenti analogici di cui era dotata la Scirocco originale: indicatore della pressione del turbo, temperatura dell’olio motore e cronometro.


Nuovi motori più potenti ed efficienti

Ad eccezione del più potente 2.0 TSI da 280 CV, tutti i motori della nuova Volkswagen Scirocco 2014 sono dotati di Start&Stop, sistema di recupero dell’energia in frenata e rispondono alle normative antinquinamento Euro 6. E nonostante l’aumento della potenza, consentono di ridurre i consumi del 19%. Quattro le motorizzazioni a benzina: 1.4 TSI da 125 CV, 2.0 TSI da 180 CV, 2.0 TSI da 220 CV e 2.0 TSI da 280 CV della nuova Scirocco R. Upgrade di cavalli anche per le due versioni diesel dotate del 2.0 TDI, disponibile nelle varianti da 150 e 184 CV. Per tutte le versioni, ad eccezione della Scirocco 1.4 TSI da 125 CV, è disponibile il cambio automatico doppia frizione DSG.