Con la nuova BMW i8 Concept Spyder la Casa bavarese mostra ancora una volta la direzione che sta prendendo per il futuro. Innovazioni sorprendenti, design futuristico, prestazioni da supercar e consumi più bassi di quelli di una citycar: la BMW i8 Spyder è la dimostrazione che anche le supercar possono essere verdi. La presentazione al Salone di Pechino 2012.

Dopo i3 e i8 Coupé 2+2 BMW ha sviluppato anche la i8 Concept Spyder, la più attraente tra le ultime concept car presentate. Si tratta di una supercar ibrida basata sulla i8 Concept coupé 2+2, rispetto alla quale non ha il tetto, è più corta e offre solo due posti. Il motore è composto da un’unità elettrica anteriore, che fornisce trazione elettrica alle ruote anteriori, e una a benzina 3 cilindri turbo, che è posta nella sezione posteriore dell’auto fornisce trazione alle ruote posteriori, per una potenza totale di 354 cv che, uniti al peso contenuto di 1.630 kg, all’aerodinamica eccellente e alle tecnologie avanzate garantisce prestazioni elevatissime con consumi di carburante minimi: 250 km/h limitati elettronicamente, 0-100 km/h in 5 secondi e un consumo incredibilmente basso di circa 3 litri/100 km.

Il motore elettrico della nuova BMW i8 Concept Spyder misura una potenza di 131 cv, può lavorare in modalità elettrica al 100% con una autonomia di circa 30 km e può essere ricaricato in circa due ore da una normale presa elettrica casalinga da 220 v.
Spesso le concept car rimangono degli esercizi di stile, un modo per applicare nuove tecnologie e farsi pubblicità, ma la Casa bavarese ha intenzione di produrre la nuova BMW i8. La prima ad arrivare, probabilmente nel 2014, è la i8 Concept 2+2 mentre la i8 Concept Spyder dovrebbe essere prodotta nel 2015.