La Mazda RX-Vision fa la sua comparsa al Salone di Tokio 2015; si tratta di una concept car di una vettura sportiva dotata di motore rotativo di nuova generazione: lo SKYACTIV-R. Il motore rotativo ha sempre rappresentato lo spirtito “challanger” di Mazda, ovvero quello di accogliere le sfide di creare tecnologie innovative e avveniristiche.

Motore rotativo

Il motore rotativo sulla Mazda RX-Vision è montato anteriormente ed è perfettamente equilibrato e associato alla trazione posteriore, come da tradizione per le sportive della Casa. Questo tipo di propulsore è unico nel suo genere: l’energia viene prodotta tramite il movimento di rotazione di rotori triangolari.

La storia di Mazda con questo motore è lunga e travagliata: dopo le numerose difficoltà, Mazda è riuscita a commercializzare questo propulsore prima sulla Mazda Cosmo Sport 110S nel 1967 e poi su Mazda RX-7 - la vettura rotativa più venduta tra quelle con questa tipologia di motorizzazione,  con più di 800.000 unità prodotte tra il 1978 e il 2002 - e Mazda Rx-8. Mazda è stata anche l’unica casa costruttrice a vincere la 24 ore di Le Mans con una vettura da corsa a motore rotativo, e l’ha fatto nel 1991 con l’incredibile Mazda 787B.

Per ora solo un concept

Anche se per ora non è prevista la produzione di vetture con motore rotativo, la Casa automobilistica ha scelto l'etichetta SKYACTIV-R per il motore rotativo di nuova generazione per esprimere la sua determinazione nel voler continuare ad offrire ai propri clienti una tecnologia che sfida le convenzioni  correnti ed un'esperienza senza compromessi al volante di una vettura con motore SKYACTIV.
Il presidente e amministratore delegato di Mazda ha dichiarato: “”Non vedo l'ora di raccontarvi di più su questa visione che abbiamo rivelato oggi sullo stand Mazda. Mazda continuerà ad affrontare nuove sfide, con l’obiettivo di costruire un legame speciale con i nostri clienti e diventare il loro unico marchio".