Dopo una tendenza degli ultimi anni all’aumento del peso delle automobili, sempre più spaziose e ricche di dotazioni per la sicurezza e per il comfort, si sta facendo il possibile per ridurne la massa per migliorarne l’handling, le prestazioni e soprattutto i consumi e le emissioni inquinanti. Ford, a tal proposito, sta sperimentando una fibra di carbonio a basso costo da adottare sulle vetture prodotte in serie.

L’obiettivo di Ford è quello di ridurre il peso delle proprie autovetture di circa 340 chilogrammi entro il 2020. La fibra di carbonio ha un peso inferiore di circa un terzo dell’acciaio, rispetto al quale ha una rigidità doppia e una resistenza 5 volte superiore. Nella fotogallery si può notare un esemplare di Ford Focus Station Wagon con il cofano in carbonio.

L’unico ostacolo riscontrato fin’ora all’utilizzo della fibra di carbonio per le componenti di auto prodotte in serie in serie è l’elevato costo, ma con i nuovi metodi studiati dai tecnici Ford in collaborazione con Dow Automotive System il processo di produzione potrebbe rientrare nelle tempistiche delle linee produttive delle vetture, abbassandone di conseguenza sensibilmente i costi. Si tratta di una fibra di carbonio inedita, caratterizzata da un nuovo intreccio, ma con caratteristiche molto vicine a quelle della fibra di carbonio tradizionale.