Il risparmio è l’obiettivo principale per l’acquisto dell’auto ma non volete rischiare acquistandone una usata? L’offerta di auto economiche, spulciando bene il listino del nuovo, è interessante, anche tra quelle adatte a svolgere il ruolo di unica auto di famiglia. Vediamo quali sono le auto nuove più economiche sul mercato facendo riferimento al listino di gennaio 2014.


Le auto più economiche del 2014 tra le piccole del segmento A

Non solo il loro prezzo di listino è basso, ma costa poco anche mantenerle: le citycar con potenze ridotte consumano poco, sono soggette ad una tassa di possesso bassa (che si calcola in base ai kw che eroga il motore) e i tagliandi sono – generalmente – meno cari delle auto più grandi e costose.
L’auto più economica tra le citycar è la Renault Twingo. Una bella sorpresa, in quanto la piccola francesina non è mai stata tra le vetture più economiche della categoria, ma una versione speciale ha fatto in modo che il suo prezzo fosse imbattibile. D’altra parte il modello attuale andrà a breve in pensione in quanto nel corso del 2014 arriverà la nuova Twingo con motore posteriore (nata da un progetto in comune con la Smart Fourfour). Con un prezzo di appena 7.750 euro, attualmente, è possibile acquistare la Twingo 1.2 Night&Day con una dotazione di serie che includetinta della carrozzeria Bianco Ghiaccio, sedile anteriore regolabile in altezza, impianto audio MP3 con ingressi USB e AUX, comandi al volante e sistema Bluetooth.
Con qualche centinaio di euro in più, troviamo sul podio delle auto più economiche del segmento A la DR1. Fabbricata in Cina ed assemblata a Isernia, è ben dotata in rapporto al suo prezzo di listino di 7.980 euro: l’equipaggiamento di serie include climatizzatore, autoradio, sensori parcheggio, vetri elettrici anteriori e posteriori, cerchi in lega e vernice metallizzata. Coi suoi 50 kw di potenza (68 CV), paga 129 euro all’anno di bollo.
Tra le auto più economiche del 2014 nel segmento A troviamo la Suzuki Alto. Non più freschissima, sarà sostituita entro la fine del 2014: motivo in più per chiedere un ulteriore sconto dal suo prezzo di listino, che parte da 8.100 euro. La Alto è una piccola monovolume a 5 porte equipaggiata con un motore 1.0 3 cilindri da 68 CV e offre di serie il climatizzatore anche nella versione entry level.
Stesso prezzo per le due economiche citycar del trio Volkswagen Up!, Seat Mii e Skoda Citigo. La prima ha un prezzo lievemente superiore, mentre le altre due sono il listino con lo stesso prezzo di partenza fissato a 9.260 euro (ma il climatizzatore, sulla versione base, si paga). Nel corso del 2013 abbiamo avuto modo di effettuare una prova su strada della Citigo 1.0 60 CV ASG e ne abbiamo apprezzato la qualità costruttiva e l’economia esercizio del suo piccolo 1.0 litri 3 cilindri, che con 44 kw di potenza ha un costo in termini di tassa di possesso pari a 113,52 euro.
Da tenere in considerazione, tra le piccole auto più economiche del 2014, anche la Chevrolet Spark, monovolume con personalità e una discreta abitabilità. I prezzi partono da 9.347 euro ma la dotazione richiede qualche integrazione.


Le auto più economiche del 2014 tra le utilitarie del segmento B

L’auto più economica del segmento B in base al listino di gennaio 2014 è anche l’auto più economica in assoluto: si tratta, ancora una volta, della Dacia Sandero. E si tratta, tra l’altro, di un’utilitaria piuttosto spaziosa, dato che le sue dimensioni rasentano quelle delle auto medie del segmento C della generazione passata. Insomma, un’auto dove sta comoda tutta la famiglia e che costa, nella versione 1.2 75 CV Ambiance, appena 7.900 euro (8.590 con l’aggiunta del climatizzatore). Noi abbiamo provato la Sandero 1.2 GPL, che è in listino al prezzo di 9.200 euro ma permette di risparmiare al momento del pieno: per vedere quale conviene maggiormente bisogna calcolare quanti chilometri si percorrono annualmente e verificare in quanto tempo si recupera la spesa supplementare dell’impianto GPL.
Restando nel segmento B ci sono altre due proposte più economiche delle altre, ma comunque ben distanti dalla Sandero: la Hyundai i20 e la Kia Rio, in listino con prezzi a partire da rispettivamente 11.600 e 11.650 euro. Entrambe equipaggiate con un motore 1.2 litri 4 cilindri da 85 CV, offrono di serie il climatizzatore, il controllo della stabilità e l’autoradio (ma solo la Kia Rio). Molto interessante la durata della garanzia: 5 anni con chilometraggio illimitato per le vetture del marchio Hyundai e 7 anni fino a 150.000 km per quelle del marchio Kia (comunque di 3 anni con chilometraggio illimitato).


Le auto più economiche del 2014 tra le berline compatte del segmento C

Salendo di categoria, sul podio delle auto più economiche del 2014 primeggiano due coreane: la Kia Cee’d e la Hyundai i30. La Cee’d è – di poco – la più economica, con un prezzo di listino che parte da 16.500 euro nella versione 1.4 CVVT Active da 100 CV equipaggiata di serie con climatizzatore, autoradio e controllo della stabilità. La i30 1.4 Classic monta lo stesso motore da 100 CV di potenza della Cee’d e offre la medesima dotazione di serie, con un prezzo di listino pari a 16.700 euro.
Oltre alle due valide alternative del Sol Levante c’è un’altra vettura del segmento C che rientra al terzo posto tra le più economiche del segmento C nella categoria delle berline compatte: la nuovissima Peugeot 308, che nella versione 1.2 VTi Access è in listino al prezzo di 17.100 euro. Il motore è piccolo 1.2 litri 3 cilindri sovralimentato che viene montato anche sulla 208 1.2 VTi, sviluppa 82 CV di potenza e permette alla 308 di raggiungere i 171 km/h di velocità massima e di accelerare da 0-100 km/h in 15,2 secondi, mantenendo i consumi piuttosto bassi (5 l/100 km nel ciclo combinato di omologazione).


La verifica dei prezzi effettivi

Ora abbiamo una classifica delle auto più economiche del 2014 del segmento A (citycar), del segmento B (utilitarie) e del segmento C (berline compatte). Tutto questo in base ai prezzi del listino aggiornato a gennaio, ma le variabili che potrebbero incidere sul prezzo d’acquisto di una nuova auto sono anche altre: eventuali promozioni in corso, eventuali sconti sul prezzo di listino e valutazione di un’eventuale auto usata. Quindi per chi fosse in procinto di acquistare un’auto economica il consiglio è sempre lo stesso: scegliere in base alle proprie esigenze più di un modello e recarsi presso la rete vendita delle auto scelte a richiedere dei preventivi per valutare l’offerta più conveniente.