L’Alfa Romeo 4C Spider ha debuttato in anteprima mondiale al Salone di Ginevra 2014 e sarà prodotta all’inizio dell’anno prossimo. Disegnata dal Centro Stile Alfa Romeo, conferma l’eccellenza del brand nella realizzazione di auto scoperte: tra le più belle di sempre la Giulietta Spider degli anni Cinquanta e il mitico Duetto, fino ad arrivare alla più recente supercar 8C Spider.


I dettagli estetici

L’esclusiva livrea scelta per l’avant-premiere della 4C Spider è il Bianco Lucido Tristrato, che ne esalta le linee scolpite. Esteticamente spiccano i copri roll-bar in carbonio, stesso materiale utilizzato anche per la cellula centrale e per l’anello parabrezza, i fari anteriori “sotto lente” – al contrario di quelli della versione coupé – e i cerchi in lega da 18” all’anteriore e 19” al posteriore.


Handling: nessun compromesso

Come la versione chiusa, la 4C Spider ha un’aerodinamica con elevata deportanza per aumentarne la stabilità alle andature elevate ma l’assetto ha una taratura specifica per mantenere il feeling di guida della 4C Coupé. Grazie ad un approfondito studio aerodinamico, la turbolenza all’interno dell’abitacolo, quando si viaggia a cielo aperto, è ridotta al minimo. Tutti i dettagli sono rivolti anche al contenimento del peso, come ad esempio l’adozione di un lunotto posteriore in materiale composito resistente e leggero (SheetMoulding Compound).


Scarico in titanio e carbonio

Il 4 cilindri 1750 Turbo Benzina della 4C Spider da 240 CV e 350 Nm, abbinato al cambio automatico a doppia frizione Alfa TCT, adotta un innovativo basamento in alluminio più leggero di 22 kg e il suo sistema di scarico a doppio stadio firmato Akrapovic è dotato di una valvola elettroattuata con tecnologia wireless che permette al guidatore di sceglierne il set up. Il comportamento della vettura può essere settato fra le tre modalità Dynamic, Natural e All-Weather attraverso il dispositivo DNA.